Dopo Surface tablet, potrebbe arrivare lo smartphone di Microsoft

AziendeMarketing
Windows Phone 8, nome in codice Apollo

Windows Phone ha conquistato appena il 2 per cento del mercato smartphone. Microsoft potrebbe giocare la carta del Surface smartphone: venduto con il suo brand

Dopo l’accoglienza positiva di Surface tablet, Microsoft potrebbe essere tentata dalla possibilità di realizzare il suo smartphone. Il Windows Phone  di Microsoft non è un’idea del tutto nuova: Microsoft ci aveva già provato con lo sfortunato Kin, ma era stato un flop. Tuttavia a quell’epoca Microsoft non aveva messo ancora a punto una piattaforma mobile, potente e versatile come Windows Phone 8, integrato con Windows 8, per offrire un’unica esperienza dal desktop al Mobile.

Dopo 37 anni di strategia OEM di Microsoft, basata sullla realizzazione del software per poi concederlo in licenza ai suoi partner, Microsoft guarda oltre. Reuters riporta che Microsoft è sempre più tentata dalla strada dell’hardware integrato ccon il software venduto sotto il proprio brand. “Le nostre fonti riportano che Microsoft potrebbe lavorare con produttori a contratto per sviluppare i suoi propri dispositivi con Windows Phone 8,” scrive Nomura.

Potrebbe trattarsi di un “reference platform”, una piattaforma concept come quelle di Intel da offrire ai produttori di ultrabook, oppure un vero e proprio smartphone Microsoft con Windows Phone 8, il Surface smartphone con cui sfidare Android e iPhone. Dopo le vivaci polemiche sul tablet Surface, compreso il crash in diretta (ma Windows 8 è solo in Release Preview), Microsoft potrebbe essere tentata dalla strada dell’integrazione software-hardware-servizi. Windows Phone 8 uscirà in autunno, quando arriverà anche Windows 8: e Microsoft vuole mettere i puntini sulle i, per spingere entrambe le piattaforme, che segnano l’ingresso di Microsoft nell’era Mobile. E Microsoft non può dirsi soddisfatta dell’attuale 2% di market share detenuto da Windows Phone, mentre Android veleggia oltre il 50%. La massima integrazione fra software, hardware ed ecosistema, sulla scia di iPhone e iPad, ma anche di Google Nexus (a cui si aggiungerà presto il Nexus Tab), fa riflettere. Per Microsoft scatta il momento della scelta, per i vendor del mercato Pc è il momento della riflessione.

Joe Belfiore di Microsoft
<p>Joe Belfiore di Microsoft</p>
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore