Dispositivi mobiliMobility

Il futuro è Mobile

Ddl Concorrenza, il Mise smentisce il ritorno delle penali nella telefonia mobile, ma Altroconsumo esprime dubbi
10 73

I dati del Mobile fotografano un mercato in evoluzione: comparto tablet in flessione, mercato smartphone in solida crescita, quello smartwatch in attesa del decollo. Ma dall’analisi dei dati Mobili, scopriamo che i driver della crescita sono 4G, Wearable tech e IoT. La fotografia del Mobile in Italia e nel mondo

Rivoluzione Mobile

 

Gli italiani sono sempre più Mobili. Gli utenti sono passati da due a tre dispositivi Mobili a testa. Ma se i notebook sono in ripresa, i tablet sono in flessione. Dal 2019 ogni cosa sarà connessa: si attesteranno a 13 milioni e mezzo i dispositivi indossabili fra quattro anni. I driver della rivoluzione Mobile sono 4G, Wearable Tech e Internet delle Cose (IoT). Ma vediamo i mercati (notebook, tablet, smartphone e Wearable tech) nel dettaglio, perché sono in rapida evoluzione, e quali sono le aziende che si contendono lo scettro nel mondo Mobile. In Italia e a livello globale.

Il futuro è Mobile
Il futuro è Mobile

La competizione nel Mobile

 

Dall’ultimo report di Canalys emerge che nel quarto trimestre le vendite di tablet sono calate del 12%: ha totalizzato 67 milioni di unità. Il mercato Pc (desktop, notebook e tablet) è diminuito del 6% a 148 milioni di unità, con i notebook in salita dell’1%. Nell’intero anno, invece, sono stati venduti 528 milioni di dispositivi, in crescita del 3% sul 2013.

Canalys: Per la prima volta i tablet accusano una certa stanchezza
Canalys: Per la prima volta i tablet accusano una certa stanchezza

Anche in Italia (dati Sirmi) il segmento tablet è in frenata. Invece il mercato Pc è in ripresa, con i segmenti PC Workstation (+20%) e notebook professionali (13,4%) in crescita a doppia cifra. Il 2015 in Italia sarà l’anno degli ibridi, i dispositivi che hanno funzionalità e caratteristiche sia dei tablet che dei notebook: i 2-in-1 o convertibili prima conquisteranno il mondo business e poi il mondo consumer, a causa dei prezzi superiori.

I top vendor del mercato Pc e tablet

 

Fra i top vendor della classifica di Canalys, Apple è prima con 27 milioni fra Mac e iPad venduti, ma le le vendite di iPad sono in flessione del 18%. Lenovo ha registrato un progresso del 6% anno su anno, con 20 milioni di unità vendute: Lenovo, primo vendor del mercato Pc (classifica Gartner) e terzo del mercato smartphone (Idc), detiene un market share pari al 13.3%.

Samsung ha lasciato il terzo posto ad HP, in crescita del 17%, grazie a 17 milioni di unità vendute. I tablet di Samsung sono in declino del 24% a 11 milioni di unità.

Nel mercato tablet, Apple detiene il 30% nel quarto trimestre 2014. Terzo vendor è Amazon con 4 milioni di unità, pari al 6% di quote di mercato. Lenovo ha venduto 3.7 milioni di tablet, raggiungendo il 5.5% di market share. Microsoft ha registrato 2 milioni di Surface Pro venduti, mentre HP ha superato il giro di boa del milione. I Surface rappresentano un terzo dei tablet venduti con Windows. Le vendite dei tablet Windows hanno raggiunto il 9% di market share nel mercato tablet.

Microsoft Surface Pro 3
Microsoft Surface Pro 3

In Italia top vendor del mercato Pc, che hanno ingranato la quarta, sono HP e Lenovo. La cinquina in vetta alla classifica, Acer, Asus, Dell, HP e Lenovo, tutti insieme, registrano l’80% di quote di mercato.

I protagonisti del mercato smartphone

 

Il mercato smartphone ha chiuso il 2014 in crescita del 20%, mentre i cellulari sono in caduta verticale (anche se in Giappone è in ripresa, per la prima volta in sette anni, la nicchia dei flip-phones). Ma ogni tre telefonini venduti, due sono smartphone, secondo Gartner.

Secondo ABI Research, per la prima volta, negli ultimi tre mesi del 2014, le quote di mercato di Android sono scese a vantaggio di iPhone. Le vendite di Natale hanno messo il turbo a Apple iOS, in crescita del 90% grazie ai 74.5 milioni di iPhone. A guidare il nuovo boom di Apple, che ha superato il valore di capitalizzazione di 700 miliardi di dollari, sono iPhone 6 e 6 Plus, i nuovi modelli a più ampio schermo, in crescita sulla scia del successo dei Big screen nel mercato smartphone.

Android rimane l’asso pigliatutto del mercato smartphone: ha superato il miliardo di unità vendute nell’intero 2014. Ma, nell’ultimo trimestre dell’anno, ha subìto una flessione del 5% a 205.56 milioni di Android. In questo scenario, Apple ha raggiunto Samsung al primo posto del mercato smartphone, fatto che non accadeva dal 2011. Samsung spera di recuperare il terreno perduto con il Galaxy S6, che, con schermo su tre lati, promette di essere il piatto forte del Mobile World Congress (Mwc 2013). Invece, nella fascia bassa, Google ha lanciato Android One, per dare una spinta al suo OS nei mercati emergenti e nel segmento low-cost.

Samsung Galaxy S6 arriverà al al Mobile World Congress in due versioni: una classica, una Edge
Samsung Galaxy S6 arriverà al al Mobile World Congress in due versioni: una classica, una Edge

A doppia cifra invece cresce Windows Phone. Il sistema operativo di Microsoft è aumentato del 19% dal terzo al quarto trimestre 2014, raggiungendo 10.7 milioni di unità vendute grazie al record dei Lumia.

“Altri” OS hanno registrato una caduta verticale del 26%.

Microsoft Windows 10 Technical Preview sbarca sul mobile: primi Lumia al test
Microsoft Windows 10 Technical Preview sbarca sul mobile: primi Lumia al test

Wearable tech e smartwatch in attesa del decollo

Gli orologi hi-tech e i braccialetti intelligenti venduti nel 2014, si fermano a 4,6 milioni di smartwatch e fitness smartband. Lo riporta la società d’analisi Canalys. Segno che ancora è un mercato di nicchia.

Il mercato smartwatch aspetta il debutto primaverile di Apple Watch, il dispositivo indossabile di Cupertino, per decollare.

Apple Watch
Apple Watch

I dispositivi Android Wear, il sistema operativo ad hoc sviluppato da Google, hanno raggiunto le 720mila unità, in cui brilla Moto 360 di Motorola, seguito da Lg G Watch R. Ma sono numeri bassi, visto che solo Xiaomi Mi band ha da solo venduto un milione di pezzi e meglio di Android Wear ha fatto pure Pebble, lo smartwatch realizzato grazie al crowfundind. Prima della classe nel mercato Smartwatch è Samsung, grazie al vasto catalogo, arricchito con 6 dispositivi in 14 mesi su diverse piattaforme.

Juniper prevede che saranno venduti 100 milioni di smartwatch dal 2019.

Lg Watch Urbane, lo smartwatch di lusso con Android Wear
Lg Watch Urbane, lo smartwatch di lusso con Android Wear

Presente e futuro in cifre

Entro il 2019 ogni italiano avrà a disposizione tre dispositivi mobili, uno in più rispetto ai due posseduti nel 2014. Cresceranno a ritmo serrato i dispositivi indossabili e della rete 4G, il traffico dati crescerà di otto volte rispetto al 2014, più che nel resto d’Europa. Entro quattro anni il traffico dati Mobile sarà pari a 90 milioni di Dvd al mese: sfiorerà i 360 petabyte al mese. E gli italiani indosseranno 13 milioni e mezzo di dispositivi di Wearable Tech, in crescita media annua del 39% a partire dai 2 milioni 641 mila del 2014. A trainare, sarà Internet delle cose (IoT), con i dispositivi connessi a Internet. Internet of Things spazia dagli elettrodomestici di casa all’auto, dalla connected home alle connected cars. Questo è lo scenario previsto dalla ricerca intitolata Cisco Visual Networking Index Mobile in Italia. A collegare questi dispositivi alla Rete, sono connessioni sempre più veloci che sfruttano le reti 4G-LTE o le tecnologie Wi-Fi. La connessione si baserà sull’M2M mobile (Machine to Machine, la comunicazione tra macchine) e si realizzerà grazie ai dispositivi indossabili. Gli utenti Mobile in Italia passeranno da 53.6 milioni (80% della popolazione) nel 2014 a 55 milioni (90% della popolazione) nel 2019. Il traffico del cloud mobile aumenterà di 9 volte in Italia entro il 2019, mettendo a segno un tasso di crescita media l’anno del 54%.

Studio Cisco: L'Italia corre più dell'Europa nel traffico dati mobile
Studio Cisco: L’Italia corre più dell’Europa nel traffico dati mobile

A livello mondiale, dal 2018, più del 50% di utenti adopererà un tablet o uno smartphone per tutte le attività, a partire dalla navigazione in Rete. I dispositivi Mobile stano diventando i “first go-to device”, i dispositivi di prima scelta per la comunicazione e il consumo di contenuti digitali, secondo Gartner.

Siete esperti di Internet delle Cose? Misuratevi con un Quiz!