Due strati di dati

LaptopMobility

Arrivano finalmente i masterizzatori DVD "dual-layer": a nostra disposizione la stessa capienza di un DVD-Video.

I DVD commerciali, in particolare quelli utilizzati per i film, utilizzano un sistema a due strati per raddoppiare la capienza. In pratica, all’interno del disco esistono due superfici su cui sono scritti i dati; la prima delle due è semitrasparente, e perciò, a seconda della posizione della lente che lo dirige, il laser del lettore DVD può focalizzarsi sulla prima oppure sulla seconda. Si ottiene così quasi il doppio dello spazio per memorizzare i dati (8,5 Gb invece dei 4,7 scrivibili su un DVD a strato singolo). Fino ad oggi i masterizzatori DVD erano in grado di produrre solo DVD a singolo strato, ma ora l’attesa è finita, e sono arrivati finalmente masterizzatori in grado (sfruttando gli opportuni supporti) di scrivere dati su due strati). Lo sappiamo cosa viene subito in mente: un simile masterizzatore è ideale per copiare i DVD-Video senza doverne ricomprimere il contenuto. Questo ovviamente non significa che sia facile (in molti casi ci sono protezioni da superare), e neppure che sia legale (nella stragrande maggioranza dei casi non lo è, e rischiate pesanti sanzioni). Vi presentiamo i primi due modelli di questo tipo pervenuti in redazione, uno interno (il NEC 2510A) e uno esterno (lo Iomega Super DVD Writer 12X). Ambedue i modelli sono di tipo dual-layer; possono cioè scrivere sia su supporti formato DVD R/RW che DVD+R/RW (è da notare, comunque, che solo per il secondo standard sono attualmente disponibili dei supporti doppio strato, detti DVD+R DL). Il masterizzatore interno NEC non è che un aggiornamento di un modello precedente, di cui mantiene la velocità di funzionamento: 8X per i DVD scrivibili, e 4X per i riscrivibili. Con i supporti a doppio strato la velocità scende a 2,4X, a causa della maggiore difficoltà del processo di scrittura. Il masterizzatore Iomega, invece, è di nuova generazione, e raggiunge la velocità 12X in scrittura e 8X in riscrittura; per i supporti a doppio strato la velocità è la stessa del Nec 2,4X. Lo Iomega adotta l’interfaccia USB 2.0 per il collegamento al computer. Normalmente questa interfaccia non dà problemi con le unità esterne; facciamo però notare che scrivendo a 12X (circa 16 Mb/s) si occupa già una considerevole porzione della banda USB, il che potrebbe causare qualche problema se avete più periferiche collegate alla stessa porta. Segnaliamo inoltre che i supporti a doppio strato, oltre a essere per il momento difficilmente reperibili, possono causare problemi di compatibilità. I DVD a doppio strato realizzati con questi due modelli hanno incontrato problemi di lettura su alcuni lettori DVD “da salotto”. Sono problemi destinati sicuramente a scomparire con l’apparizione di firmware e programmi di masterizzazione più maturi, ma vanno comunque tenuti presenti prima di lanciarsi nell’acquisto.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore