DVD come aggirare le protezioni

Management

Di recente diffusione, il DVD e attualmente dotato di particolari sistemi di protezione anti-copia

St. Louis, MISSOURI – Qualunque film contenuto in un DVD e memorizzato come un codice digitale compresso che viene successivamente protetto con il sistema CSS (Content Scrambling System). Le chiavi che proteggono i DVD sono contenute allinterno dei medesimi, ma non possono essere copiate, anche se un masterizzatore facesse la copia bit-per-bit del disco. Con la tecnologia odierna (e con lingegno degli informatici), pero, e possibile riuscire a decrittare il CSS con un software chiamato DeCSS. A parte lo scalpore (e limbarazzo delle case cinematografiche) originato con il diffondersi di questo nuovo programma, il DeCSS (come qualunque altro strumento che permetta di aggirare protezioni poste dai produttori di DVD) viola precise norme giuridiche. Non molto tempo fa, tuttavia, e stato inventato un nuovo metodo che permette di aggirare le protezioni tecnologiche nei DVD. Il nuovo software e stato sviluppato dal 321 Studios di St. Louis. La societa afferma che il suo programma DVDXcopy non viola il Digital Millennium Copyright Act del 1998, perche esso non fa nulla che la protezione dei DVD sia predisposta a prevenire. Per essere certa della legalita del prodotto, la 321 ha investito anche un Giudice della Corte Distrettuale della California della decisione se esso violi o meno il DMCA o altra norma di legge americana. Il fulcro della questione e che il DMCA non parla in alcun modo della illiceita dei back-up fatti da un determinato prodotto (pur protetto con adeguate misure tecnologiche). Il software della 321, invece, fa appunto questo crea dischi di back-up, grazie a una particolare procedura tecnica, che non agisce su alcuna protezione immersa nei DVD. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore