E’ dinamico il nuovo logo di Google

AziendeMercati e Finanza
Il nuovo logo di Google
2 1 Non ci sono commenti

Più semplice e stilizzato che si adatta a smartwatch e mobile: il nuovo logo di Google è stato rivisto per rispondere alla nuova era del computing e sarà il primo di una serie di loghi che Google estenderà a tutti i marchi della società

Un doodle animato (un pennello che cancella il vecchio a favore del nuovo) ha mostrato nei giorni scorsi il nuovo logo di Google, più semplice e stilizzato rispetto al passato, che mantiene vivi i colori di sempre (blu, rosso, giallo e verde) ma che è stato ideato per rispondere alle esigente di dispositivi mobili e di schermi piccoli, che oggi trovano spazio non solo su pc e notebook ma anche su cruscotti di automobili o smartwatch.

Il nuovo logo di Google
Il nuovo logo di Google

Il nuovo logo – che ha vissuto molti cambiamenti l’ultimo dei quali nel 2013 – ha una storia spiegata in un video che ripercorre il cambiamento del mondo del computing, in 17 anni di storia, a partire dal primo logo del 1998 quasi sicuramante disegnato dal co-fondatore Sergey Brin e non da un designer, e che porterà mano mano cambiamenti a tutti i loghi dei servizi di Google, da Gmail a Chrome, a Google Map, come l’azienda ufficializza in un post firmato da Tamar Yehoshua, vice president Product Management e Bobby Nath, Director of User Experience.
Abbiamo preso il logo e il brand di Google che inizialmente erano stati pensati per una pagina visualizzata da computer e li abbiamo ripensati per un mondo sempre connesso attraverso un numero crescente di dispositivi e input diversi tra loro, sia vocali, digitali e touch. Per esempio, nuovi elementi come un microfono colorato vi aiuteranno a capire come interagire con Google, che stiate parlando, digitando o toccando lo schermo”.

Tecnicamente il logo, dal precedente carattere wordmark serif è passato a un sans-serif che è attualmente il più utilizzato dai brand digitali perché facilmente riproducibili e leggibili su schermi di piccole dimensioni, come quelli a 2.5 pollici degli orologi Android o su schermi piccoli, dove lo stesso logo verrà sostituito semplicemente da una G con i quattro colori, che sintetizzare tutte le operazioni. La vicenda del logo, se pur semplice, è l’ultimo tassello di una riorganizzazione estiva, che vede  Google ridimensionata come sussidiaria di Alphabet, che sarà composta da più società tutte indipendenti.

Mettiti alla prova con il nostro quiz su Google e Alphabet

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore