È l’ora di Linux Ubuntu 15.10

Sistemi OperativiWorkspace
È l'ora di Linux Ubuntu 15.10
1 2 Non ci sono commenti

Canonical rilascia Ubuntu 15.10, in download da oggi 22 ottobre, con la piattaforma cloud OpenStack Liberty e strumento di gestione Autopilot

Arriva Ubuntu 15.10 con OpenStack Liberty e strumento di gestione Autopilot. Dal 22 ottobre Canonical rilascia la nuova versione di Ubuntu Linux con la piattaforma aggiornata del cloud computing OpenStack, più due tecnologie targate Canonical: Autopilot , il tool per gestire lo sviluppo di OpenStack e LXD per i container.

È l'ora di Linux Ubuntu 15.10
È l’ora di Linux Ubuntu 15.10

Il download è disponibile da oggi 22 ottobre. Ubuntu 15.10 (nome in codice Wily Werewolf) è una edizione ad interim fra la versione con supporto a lungo termine (LTS) di Ubuntu, supportatata per 5 anni da Canonical per i clienti con tale accordo. L’ultima versione LTS è la 14.04, lanciata nell’aprile 2014.

La maggior parte degli updates in questa versione pare essere focalizzata su servers e cloud, mentre l’interfaccia utente per desktop sarà aggiornata su Ubuntu 16.04 LTS, in arrivo nell’aprile 2016.

Intanto Canonical offre un’anteprima di Unity 8, l’interfaccia utente di prossima generazione. Gli utenti possono effettuare il log-in per accedere a una sessione su desktop su Unity 8, per conoscere le nuove funzionalità.

Canonical rende disponibile la tecnologia Linux Container Daemon (LXD) in Ubuntu 15.10, dopo il debutto sulla versione 15.04, destinata a container con simili livelli di sicurezza ed isolamento di una virtual machine. Lxd permette di scattare immagini snapshot e di effettuare migrazioni live di container fra host.

Ubuntu Linux è stata integrata con OpenStack dal 2013 e OpenStack Liberty è stata rilasciata ad inizio del mese. Ora Canonical ha introdotto il supporto in anteprima di LXD in OpenStack. Inoltre, il driver chiamato Nova compute LXD permette l’uso di API esistenti, cosicché quando l’utente richiede una risorsa, invece di lanciare un nuovo VM, si limita a un nuovo container in un nodo esistente di Nova compute.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore