E’ nata "Innovazione Italia SpA"

AccessoriWorkspace

La nuova società per lo sviluppo digitale del Paese e soprattutto del Mezzogiorno.

Ne dà annuncio una nota del Ministero per l’Innovazione e le Tecnolgie: si chiama Innovazione Italia SpA lo strumento operativo di cui si è dotato il Governo per fornire il Paese e soprattutto le regioni meridionali delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione-ICT, con particolare riferimento all’innovazione digitale delle imprese ed al superamento del digital divide nelle aree sottoutilizzate. Grazie ad una partnership con il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie, Sviluppo Italia ha infatti dato vita alla nuova società, di cui è stato nominato presidente l’ing. Paolo Vigevano, e che decolla con un milione di di capitale sociale. Lo ha reso noto il ministro Lucio Stanca. “La nascita di Innovazione Italia”, ha detto Stanca, “è la conferma che anche sul fronte dell’innovazione tecnologica c’è un’attenzione particolare del Governo anche per le Regioni meno sviluppate, a partire da quelle del Sud. La nuova società, infatti, opererà soprattutto nelle Regioni dell’Obiettivo 1”. Il ministro ha poi sottolineato come il suo dicastero “si sia così dotato di uno strumento operativo agile, flessibile, utilizzando l’alleanza e le sinergie con Sviluppo Italia, l’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, forte della sua presenza sul territorio e dei suoi consolidati rapporti con le Regioni e le Autonomie locali nella promozione della competitività e del sistema produttivo del Paese”. Il presidente di Innovazione Italia SpA, Vigevano, ha precisato che “la nuova società si occuperà dei progetti che daranno attuazione alle politiche di sviluppo dell’innovazione tecnologica del Ministro Stanca, ma anche di parte dei progetti delineati per il Sud in questo settore dal CIPE, nonché di quelli definiti dal Comitato dei Ministri per la Società dell’Informazione”. Gli interventi di Innovazione Italia SpA andranno a sostenere l’offerta di servizi della Pubblica Amministrazione, come la telemedicina, la teleformazione, il monitoraggio del territorio, la video-conferenza a media/alta qualità; ma anche di quelli delle imprese, come la formazione, l’e-business e la logistica integrata.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore