E se la moneta virtuale diventasse strumento di gestione aziendale?

Internet of EverythingNetworkProvider e servizi Internet
PayPal di eBay accetterà i BitCoin

Le criptovalute, come bitcoin, aprono la strada ad altri tipi di esperimenti come Ethereum, una tecnologia blockchain che non è solo una valuta ma può diventare una macchina per gestire gli affari

I tentativi di creare valute digitali sembrano dettati da un’altra galassia. Ma siamo anche nell’era dell’Iot, della tecnologia indossabile, del cloud, pertanto non ci si deve spaventare di fronte a termini come bitcoin, blockchain e, infine Ethereum. Non siamo sul set di qualche film di fantascienza ma sul set di una nuova realtà che potrebbe portare addirittura a gestire le aziende.

Se da un lato, una società come Reply, specializzata nella progettazione e nell’implementazione di soluzioni basate sui nuovi canali di comunicazione e media digitali, avvia un progetto di ricerca volto ad identificare e quantificare i benefici derivanti dall’adozione di una criptovaluta che sfrutti le potenzialità delle nuove tecnologie, dall’altra ci sono aziende che si alleano nel nome dell’Enterprise Ethereum Alliance.

Tornando a Reply, la società promuove in collaborazione con il Tavolo di lavoro Blockchain & Distributed Ledger degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano e la partecipazione dell’Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica (AIIP), la ricerca denominata Cryptoeuro. L’obiettivo è identificare e quantificare i benefici per cittadini, banche e operatori del settore pagamenti e, in generale, per l’economia nazionale.

In Svizzera si possono pagare le tasse in Bitcoin

La moneta virtuale, di cui Bitcoin è la più conosciuta, si basa sulla tecnologia blockchain, un sistema decentralizzato per registrare le transazioni e garantirne l’immutabilità nel tempo, eliminando l’attuale necessità di terze parti centrali che autorizzino le transazioni. Alla ricerca, i cui risultati sono attesi entro sei mesi, contribuiranno soggetti istituzionali, primari attori nell’industria dei servizi finanziari e dei pagamenti. Tre sono le fasi del progetto di ricerca:

  • identificazione delle caratteristiche chiave del cryptoeuro, analisi dei casi internazionali simili, definizione dell’infrastruttura blockchain di supporto;
  • individuazione delle possibili applicazioni e raccolta delle indicazioni degli attori del sistema;
  • stima dei benefici.

“Esiste oggi la possibilità di una svolta nei sistemi di pagamento che può portare benefici a tutti, prima di tutto ai cittadini”, ha dichiarato Maurizio Pimpinella, presidente dell’Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica. “Il confronto tra gli attori può essere un acceleratore. Costruire un progetto mettendo insieme le competenze multidisciplinari del Politecnico e le conoscenze tecniche degli operatori è la strada più efficace per massimizzare i benefici delle nuove tecnologie”. 

Bitcoin, la moneta virtuale da 14 miliardi di dollari

Tuttavia, come si diceva prima, esiste un’altra tecnologia blockchain, Ethereum, appunto, simile a bitcoin, ma risalente al 2015 quando il suo inventore, Vitalik Buterin, rilasciò il software. Nonostante questa tecnologia promettesse meraviglie, secondo Bloomberg Businessweek Usa, nel 2016 alcuni hacker hanno rubato 60 milioni di dollari ‘ether’, la valuta digitale di Ethereum.

Brutto colpo si, ma non tale da far terminare il progetto, dato che Ethereum, a differenza di bitcoin, non è solo una valuta ma una modalità di gestione del business. Se da un lato, il sistema per tracciare i bitcoin ed evitare che questi venissero usati spudoratamente senza controllo va sotto il nome di blockchain, che di fatto non è altro che un libro contabile virtuale capace di tracciare e verificare ogni utilizzo del bitcoin, il libro contabile di Ethereum fa di più.

Secondo l’articolo di Bloomberg Businessweek Usa, ripreso dalla  rivista Internazionale, “Può integrare dei programmi chiamati smart contracts (contratti intelligenti): se la persona A effettua l’operazione B per l’azienda C, farà scattare un pagamento D verso A, ecc. Con Ethereum le persone possono stringere accordi: una volta creati, i contratti possono essere usati per gestire ogni tipo di azienda o organizzazione”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore