eBay apre PayPal alle terze parti

AziendeE-commerceMarketingMercati e Finanza

eBay, reduce da una trimestrale in calo, punta su PayPal. Il servizio di pagamento online avrà un’interfaccia nuova per ridare slancio all’e-commerce

eBay soffre ancora per la recessione: ha archiviato il secondo trimestre registrando utili in flessione del 29% a 327 milioni di dollari, pari a 25 centesimi per azione, rispetto ai 460 milioni di dollari o 35 centesimi per azione di un anno fa. Scivolone del 4.5% anche per le vendite, in calo a 2.1 miliardi di dollari. Il volume delle aste è crollato del 10%.

Ma eBay non si abbandona alla depressione e scommette su PayPal

per la riscossa: secondo il Ceo John Donahoe, PayPal diventerà più grande di eBay. Il servizio d i pagamento online avrà un’interfaccia nuova per ridare slancio all’e-commerce: PayPal sarà aperto agli sviluppatori, per permettere a terze parti di realizzare sistemi di pagamento online. Il 3 novembre il servizio sarà in beta pubblica e includerà un insieme di API da usare in servizi di embed PayPal dentro applicationi. A sperimentare il servizio saranno anche Twitter e Microsoft Azure: in tutto 300 partner.

Il presidente di PayPal, Scott Thompson, ha detto che l’azienda aprirà le porte dell’ e-commerce a nuova audience come gli sviluppatori web e consentirà differenti tipologie di transazione come gli split payments e le transazioni con conferma offline.

Due mila utenti usano ogni secondo al giorno PayPal, che conta 75 milioni di account attivi ed è disponibile in 190 mercati e 19 differenti monete.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore