Ecma International standardizzerà il supporto del linguaggio C++ nella Common Language Infrastructure

Management

L’iniziativa punta a formalizzare il binding C++ negli ambienti CLI.

Come riporta Microsoft in un comunicato, Ecma International ha annunciato la creazione di un nuovo task group (TG5) all’interno del proprio comitato tecnico responsabile dei linguaggi di programmazione (TC39). Compito del nuovo gruppo operativo sarà quello di coordinare lo sviluppo di un set standard di estensioni che permettano di creare un legame tra le versioni standard ISO del linguaggio C++ e della Common Language Infrastructure (CLI). C++ è il linguaggio di programmazione interpiattaforma, indipendente rispetto al produttore, più utilizzato al mondo; mentre CLI è un ambiente di runtime standard, indipendente dal tipo di linguaggio, che supporta funzioni di raccolta delle informazioni obsolete, di sicurezza e altre caratteristiche innovative. Standardizzando la sintassi e la semantica di un binding generico tra C++ e CLI, il TG5 di Ecma fornirà alla vastissima comunità di programmatori C++ lo strumento adatto a scrivere in maniera semplice le applicazioni in grado di sfruttare interamente la piattaforma CLI e, nello stesso tempo, mettere a disposizione di chi sviluppa in ambienti CLI il supporto totale del linguaggio C++. Microsoft, in collaborazione con Edison Design Group e Dinkumware, ha sviluppato una bozza completa contenente le specifiche per il binding del linguaggio C++ ISO/IEC 14882 verso lo standard ISO/IEC 23271 (Common Language Infrastructure), che verrà presentato formalmente a novembre 2003. Nei mesi successivi, i partecipanti al gruppo operativo TG5 analizzeranno tali specifiche e interagiranno con gli enti di standardizzazione appropriati – appartenenti sia all’Ecma che ad altre organizzazioni – per preparare la presentazione definitiva delle specifiche C++/CLI in vista dell’Assemblea Generale di Ecma nel 2004. Il linguaggio C++ riveste un’importanza strategica per Microsoft, poiché oggi è il più diffuso linguaggio di programmazione indipendente dal produttore e il suo impiego continua a crescere in tutto il mondo. Intendiamo investire fortemente nel C++ e assicurare che la comunità degli sviluppatori di tale linguaggio sia adeguatamente rappresentata su .NET e abbia accesso alle opportunità che gli standard offrono, ha commentato Herb Sutter, Program Manager di Microsoft e coordinatore del comitato di standardizzazione ISO C++. La conformità agli standard aperti è essenziale per il successo del C++ e di .NET.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore