EDITORIALE Sulle montagne russe

Management

I prossimi novanta giorni non porteranno mutamenti sostanziali. Dalla primavera, ritengo, anche a fronte di alcuni indicatori che arrivano da oltreoceano, si potrebbe prospettare una timida ripresa.

I dodici mesi appena trascorsi non sono stati davvero uno scherzo per gli attori della distribuzione. La brusca frenata del settore informatico ha avuto un forte contraccolpo su tutta la catena commerciale dellinformation technology business plan rivisti pi volte al ribasso, gestioni di magazzino da reimplementare ma soprattutto linee di credito in sofferenza. Non un mistero per nessuno che lanno 2001 ha portato una pesante eredit sul fronte finanziario. Lanno trascorso ha anche messo in luce le difficolt per i distributori che hanno intrapreso strade diverse dal loro core business – uno su tutti Cdc – ma ha anche sancito il successo per alcuni che hanno diversificato correttamente – per esempio Esprinet e Tecnodiffusione -. Ora, ai blocchi di partenza del nuovo anno, vediamo di provare a guardare nella sfera di cristallo. I prossimi novanta giorni non porteranno mutamenti sostanziali. Dalla primavera, ritengo, anche a fronte di alcuni indicatori che arrivano da oltreoceano, si potrebbe prospettare una timida ripresa. Perch affermo questo? Dagli Usa emergono alcuni segnali incoraggianti. Per esempio Compaq ha annunciato un risultato migliore del previsto con vendite di personal computer al rialzo generate soprattutto nel corso del mese di dicembre. Anche attori importanti come Cisco e Oracle si sono presentati con obiettivi migliori del previsto e si mostrano ottimisti per i mesi a venire. Cos come lintero comparto dei semiconduttori, che sembrerebbe avviato a una ripartenza dopo un drammatico anno 2001. Fino a qui alcune considerazioni riferite al mercato. Per migliorare i propri risultati finanziari gli attori della catena della distribuzione devono per utilizzare questi primi mesi del 2002 per mettere a punto una strategia vincente, che sia tale anche nei prossimi anni. Idc, in una recente analisi, segnala che il canale si mostra poco propenso a modificare i propri comportamenti facendosi quasi un autogol. Nellanalisi Idc viene sottolineato che se pervade lattuale incapacit progettuale questa far decrescere il mercato del canale da un 44,4% sul totale della spesa informatica (dati anno 2000) a un ridimensionamento al 43,2% (anno 2005). La ricetta della riscossa passa, secondo Idc, sulla creazione di segmenti di mercato alternativi capaci di generare nuovo fatturato lasciando perdere la corsa ai ribassi del personal computer e avere la capacit di spendere pi tempo per ascoltare e soddisfare i clienti. Lultima nota riguarda la nostra rivista. Da questo numero, una volta al mese, verr pubblicato un Dossier monografico su un particolare mercato. Questa volta di scena il settore della videoproiezione con numeri, analisi sui trend, e sulle tecnologie (dalla consolidata crt alla prossime lcos). Nel numero di febbraio la sezione Dossier riguarder invece lo storage.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore