Eito fotografa la banda larga Ue

Workspace

Il mercato delle connessioni Internet a banda larga cresce dell’8.4 percento nella Ue. Nel 2009 in Europa raggiungerà i 37.9 miliardi di dollari, mentre l’Australia scommette 31 miliardi di dollari nello sviluppo broad band del paese: un maxi piano che creerà 25mila posti di lavoro

Mentre l’Italia continua ad essere spaccata in due da uno storico Digital Divide, la banda larga in area Ue continua a crescere dell’8.4 percento, per raggiungere i 37.9 miliardi di dollari nel 2009.

Eito fotografa lo stato del del broad band europeo, uno dei volani di crescita dell’Ict e dell’economia digitale.

Gli utenti Ue beneficiano della caduta dei prezzi e dell’aumento della banda disponibile.

A portare gli utenti in Rete sono email, forum,instant messaging e di recente il social networking (87%), ma trainano anche il P2p, il download musicale e i servizi video.

Secondo Eito, il traffico dati cresce del 50-60% anno su anno.

Mentre in Italia ferve il dibattito nei ministeri sul Rapporto Caio , per capire se E-gov 2012 potrà far uscire l’Italia dal suo cronico ritardo in tema di banda larga e Divario digitale, fuori dall’Europa un paese punta dritto sulla banda larga in maniera convinta: l’Australia vara un maxi piano broad band, mettendo sul piatto 31 miliardi di dollari. Il piano di Canvberra “fibre-to-the-home” genererà25mila posti di lavoro in costruzione più 37mila nella fase di picco. Lo riporta il Financial Times .

Anche il piano Obama ha promesso forti investimenti in banda larga negli Usa (soprattutto nelle zone rurali), per battere la recessione e uscire dalla crisi.

Per essere aggiornato sulle ultime notizie del mercato, iscriviti alle newsletter di NetMediaEurope, clicca qui

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore