Elitel! Questa non me la dovevi fare!

Mobility

Mentre impazza ancora il ciclone che ha coinvolto Elitel, Vnunet ha raccolto
la testimonianza di un cliente che, per motivi di riservatezza, ha deciso di
mantenere l’anonimato

Lunedì il caos. Alzare la cornetta del telefono e non riuscire a parlare se non con noi stessi. Comporre il numero desiderato e sentirsi dire che il numero è inesistente. Vnunet, dopo il caso Elitel, ha raccolto la testimonianza di un cliente che, per sua espressa volontà, ha deciso di mantenere l’anonimato e si è “sfogato” in questa mini-intervista.

Ci racconta cosa le è successo?

Sono (ero) cliente Elitel da almeno 5 anni, quando ancora si chiamava LombardiaCom, e sono sempre stato soddisfatto del servizio. Ciò che ho sempre considerato vantaggioso erano le tariffe applicate da Elitel per il traffico voce, molto competitive e quasi sempre più convenienti di quelle dei concorrenti. Ovviamente con riferimento a una utenza di tipo domestico. Improvvisamente, lunedì scorso, il servizio è stato interrotto senza alcuna comunicazione da parte di Elitel. Componendo qualsiasi numero di utenza fissa o mobile, il messaggio preregistrato di Telecom Italia informa che il numero è inesistente. Non c’è verso di poter chiamare qualcuno (non ho provato a comporre i numeri di emergenza), mentre è possibile ricevere telefonate. A distanza di una settimana Elitel continua a essere “latitante” , nel senso che non ha rilasciato alcuna comunicazione, mentre il servizio è costantemente interrotto.

L’authority per le comunicazioni ha ordinato a Elitel di aiutare i propri clienti a tornare operativi. Ci crede?

Francamente sono molto scettico e credo che, se anche fosse possibile, i tempi non saranno rapidissimi, almeno non per l’utenza domestica. Dei circa 400mila clienti di Elitel, molte sono aziende che improvvisamente si sono trovate senza telefono e senza connessione Internet con danni, credo, molto rilevanti. E’ evidente che in caso di intervento Elitel provvederà a ripristinare il servizio all’utenza business, lasciando in “coda” tutti gli altri. Da ultimo credo che parecchi clienti abbiamo già cercato e trovato un nuovo operatore che, presumo, nella maggior parte dei casi sarà l’ex-monopolista…alla faccia della concorrenza!

Quali strade percorreranno i clienti?

E’ evidente che in questa situazione o si decide di rinunciare al telefono fisso affidandosi esclusivamente al cellulare oppure è necessario stipulare un nuovo contratto con un nuovo operatore.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore