Emc conta i bit nel mondo digitale: uno Tsunami di dati

Workspace

Emc ha commissionato uno studio a Idc sull’universo digitale: previsti 1,8 zettabyte, pari a 1.800 exabyte, nel 2011. Più degli astri nell’universo

Il mondo digitale cresce a ritmi intensi se non vertiginosi, con un tasso di incremento del 60%. Entro il 2011 l’universo digitale sarà di 1,8 zettabyte (1.800 exabyte), dieci volte quanto era cinque anni fa. Il mondo digitale solo nel 2007 era di 281 miliardi di gigabyte (281 exabyte) pari a 17 miliardi di iPhone da 8Gbyte. Il mondo digitaleha insomma più bit delle stelle contenute nel cosmo, e sembra uno Tsunami digitale di dati impressionante, scrive Idc in una ricerca commissionata da Emc . Le informazioni elettroniche, compresse in file, immagini, Tag, sono in piena esplosione.

Le tecnologi e Web 2.0, i software di ricerca dati e il Web Semantico possono governare questo Tsunami digitale e trasformare la crescita dell’informazione

in crescita economica

: ma la Digital Shadow, dei contenuti creati dagli utenti grazie a foto e videocamere, Social Network e sistemi di video sorveglianza e Tv digitale, sorpassa la somma di quanto creato. L’ombra digitale è il frutto della tracciabilità e passa per film delle telecamere di sorveglianza, liste di diffusione, report di transazioni, serie storiche diverse e così via. Se gli individui restano responsabili della creazione della maggior parte dell’universo digitale, occorre sapere che sono i sistemi informativi aziendali a occuparsi di conservazione, sicurezza, conformità e confidenzialità dell’universo digitale.

Idc scommette sulla Information Governance (sicurezza It, information retention, data access e compliance) per far fronte alla marea di dati che ci aspettano nei prossimi anni.

Link: Galoppano le informazioni digitali

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore