Empire Earth II

Management

La terra è il mio impero e voi siete i miei schiavi.

Il gioco ripropone la formula del predecessore con una veste quasi immutata, quella di Empire Earth, appunto. Il titolo Sierra è infatti un classico gioco di strategia in tempo reale che offre il controllo pressoché totale di un’intera popolazione. Il vostro obiettivo sarà quello di sconfiggere sul piano militare, tecnologico e diplomatico una serie di popoli nemici, traghettando così la vostra nazione, nel benessere e nella prosperità, attraverso 13 epoche: dalla preistoria fino al futuro prossimo. Dal punto di vista storico è particolarmente intrigante la modalità “Punti di svolta” che permette di giocare un particolare evento in modo speculare: per esempio potete affrontare il D-Day sia dalla parte degli Alleati sia dell’Asse. Per quanto riguarda le meccaniche di gioco, Empire Earth II approfondisce quasi ogni aspetto del primo episodio: dalla ricerca tecnologica e dalla varietà delle unità, fino alla possibilità di pianificare ogni minimo dettaglio. Le opzioni a disposizione del giocatore sono davvero numerose, e forse troppe. Tra le novità più interessanti meritano una segnalazione: la possibilità di creare piani di battaglia e nuove infrastrutture (come le strade) e l’introduzione di un’intelligente funzione PIP (Picture in Picture), che permette di impostare una seconda piccola finestra di gioco su di un punto qualunque della mappa in modo da poter controllare che cosa vi accade. Per il resto, al di là del meticoloso approfondimento di ogni aspetto militare, Empire Earth II ripropone i classici stilemi del genere, seppur con una maggiore attenzione alla strategia: dalla raccolta di risorse, al corretto dispiegamento delle truppe, fino alla gestione dello scontro bellico. Nel complesso il titolo sviluppato da Sierra si rivela un gioco capace di divertire, sebbene una serie di problemi impediscano di raggiungere l’eccellenza. La scarsa intelligenza artificiale delle proprie truppe, le eccessive variabili da tenere sotto controllo, la superficiale differenziazione delle popolazioni e il grezzo motore grafico, sono difetti non sostanziali ma che finiscono per condizionare la qualità finale di un prodotto comunque più che buono. Grazie alla presenza di una buona sezione introduttiva Empire Earth II è accessibile anche ai “neofiti”, ma solo a condizione che investano del tempo nell’apprendimento delle tante sottigliezze del gioco, in particolare dei rapporti di forza tra unità, basati sul principio della morra cinese. Da citare infine l’ottima modalità multigiocatore, uno dei punti di forza del gioco.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore