Entro il 2014 i pagamenti NFC raggiungeranno un terzo delle transazioni mobili

MarketingNetworkProvider e servizi Internet

Non è decollato Wholesale Applications Community (Wac), l’app store delle Tlc lanciato un anno fa alla Fiera di Barcellona. Ma i carrier puntano sui sistemi di pagamento NFC

Stanno per arrivare sul mercato gli smartphone con tecnologia NFC (Near field communication) per utilizzare i cellulari come borsellini elettronici ed effettuare micropagamenti in mobilità. A tuffarsi nell’arena dei sistemi di pagamento NFC sono gli operatori Tlc che, fopo il flop nel mercato degli app store (dove Android Market e Apple App Store hanno surclassato Wholesale Applications Community – Wac), cercano una rivincita nei servizi per la telefonia mobile.

Se l’application store dei big della telefonia non è decollato, ora ci riprovano a provare a monetizzare servizi in un nuovo settore: quello dei sistemi di pagamento NFC. Il sistema NFC richiederà infrastrutture critiche per pianificare nuovi modi di pagare le merci: dai terminali POs (point-of-sale) all’attrezzatura nei dispositivi NFC, oltre a software, sicurezza e piattaforme di processing.

Secondo IE Market Research i pagamenti NFC potrebbero potennzialmente sostituire molti registratori di cassa e rimpiazzare l’uso delle carte di credito, fino ad accaparrarsi un terzo di 1.13 trilioni del mercato globale nelle transazioni mobili entro il 2014. E gli operatori mobili sono già alla riscossa con NFC. France Telecom punta ad avere 500.000 clienti già quest’anno per le Sim card per i servizi contactless mobile.

Google Nexus S con NFC
Google Nexus S con NFC
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore