Entro il 2020 i marketing leader pianificheranno su chatbot

MarketingSocial media
Il 2015 potrebbe passare alla storia come l'anno di svolta per l'intelligenza artificiale (AI)

I primi trend 2017 dell’Assintel Report + disegnano dati incoraggianti. L’It è il motore di tutte le novità, anche di prossima generazione. Si pensi che, secondo dati Ogilvy 2017 , tra tre anni i marketing leader dichiarano che pianificheranno su chatbot

Senza l’It non potremmo pensare a tutte le novità, talvolta futuribili, che circonderanno le vite di tutti noi. Alcune sono già dietro l’angolo, altre sono in fase di prototipo, altre ancora le possiamo, per ora, solo immaginare. Si pensi all’auto a guida autonoma già in fase di test avanzata da parte di Apple, Google, ecc., oppure alla domotica, oppure ancora alle professioni che stanno cambiando all’insegna sempre della robotica e alle insidie che potrebbero portare se, pensando alla soluzione più drammatica, molti dei nostri attuali posti di lavoro spariranno. Oppure, nell’ipotesi più ottimistica, le novità tecnologiche lanceranno nuovi lavori o nuovi concetti di lavoratori. Al momento solo ipotesi e qualche punto interrogativo.

Insomma, gli esperti dicono la loro, i pensatori anche, e in alcuni casi la realtà sta davvero battendo la fantasia. Tanto che durante la presentazione dei primi trend 2017 dell’Assintel Report +, a cura di Assintel e Nextvalue, Martina Longo, research manager di Nextvalue, ha sottolineato come le messaging App abbiano superato i social network, tutto questo dal primo trimestre 2015 è iniziata la svolta. Ma si deve anche pensare che ci sono più di 11 mila robot dentro Facebook messenger, ma, secondo dati Ogilvy 2017, più dell’80% dei marketing leader dichiarano di pianificare attività su chatbot e/o Intelligenza artificiale entro il 2020, a soli tre anni da oggi.   E, secondo Nextvalue, ttuto questo non sarebbe possibile grazie all’It. Ma veniamo ai dati relativi a questo primo trend.

Fonte: NextValue, Assintel Report
Fonte: NextValue, Assintel Report

Il primo trimestre del 2017 offre un robusto segno positivo legato al mercato It: +3,9% (7,2 miliardi di euro) nel confronto con il corrispondente periodo del 2016. Buon segnale, che conferma molti dei progetti di Trasformazione Digitale messi a budget dalle imprese della domanda e che prelude ad un anno che dovrebbe confermare la ripresa degli investimenti al +3,7%.  I trend sono inseriti in uno scenario macroeconomico fatto di luci e ombre, con un export robusto ma un PIL debole, e un piano Industria 4.0 che dovrebbe favorire la Trasformazione Digitale soprattutto con investimenti in “Digital Enabler”, che ci danno segnali di crescita del +13,7% con investimenti totali di quasi 8 miliardi e mezzo di euro. Il piano dovrebbe favorire soprattutto l’area dell’Internet Of Things (si prevede un +21,7% per fine anno per un totale di oltre 2,3 miliardi di euro) e delle analisi dei dati (Big Data e Advanced Analytics, previsti a +16,6%).   Messaging AppAltro ambito in forte crescita è l’approccio al cliente, valorizzato attraverso la cosiddetta Customer Journey, che dovrebbe crescere del +11,2% con quasi 4 miliardi di euro. Parallela ad essi si conferma la crescita tendenziale della Cyber Security (+6,4%), che si lega alla protezione strategica dei dati e dei processi nei loro rivoli legati al Cloud e al Mobile. Ed è proprio il Cloud che continua la sua corsa, ormai non più come early adoption ma come prima scelta per le aziende, sia nel confronto fra trimestri (+18,9%) sia nelle stime di fine anno (+17,6%, per 3,7 miliardi di euro).

“Come diceva il nostro fondatore Alfredo Gatti, i Digital Enabler sono un regalo che di tanto in tanto l’IT ci fa. L’impatto dei Digital Enabler ha una portata ben più ampia della sola componente IT che ad oggi si è soliti considerare. Nextvalue continua a esplorare i trend emergenti e a rilevare i segnali provenienti dal mercato con una survey su mille aziende end user che verrà lanciata il prossimo mese”, così sottolinea Longo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore