Epson alla mostra "Dalla Pergamena al Monitor".

Stampanti e perifericheWorkspace

Si tiene a Brescia, fino al 23 maggio, la mostra sulla storia della
stampa.

Epson è presente alla mostra “Dalla Pergamena al Monitor. I tesori della Biblioteca Queriniana, la stampa, il libro elettronico” con le sue stampanti di grande formato: i visitatori ricevono una prima pagina del “Giornale di Brescia” confezionato ad hoc con la notizia della loro visita della mostra e la fotografia che li ritrae al completo alla conclusione dell’affascinante itinerario. Inoltre, grazie ai suoi videoproiettori, risultato dell’alta tecnologia applicata all’immagine proiettata su schermo, i visitatori possono visualizzare una delle massime espressioni, in Italia, della Parola scritta: la Divina Commedia di Dante Alighieri. La mostra, che percorre oltre mille anni di parola scritta e di immagine come essenziale mezzo di comunicazione fra gli uomini, suddivisa in quattro sezioni, è “itinerario ragionato attraverso la parola scritta come mezzo principe di memoria, comunicazione, formazione e apertura al futuro”. Come dichiara la società in una nota, a commento della propria partecipazione all’avento “la scelta di Epson di essere presente è perfettamente coerente con la storia stessa dell’azienda che all’inizio degli anni Settanta creò la prima mini-printer al mondo, naturale sviluppo del meccanismo di stampa realizzato per le Olimpiadi di Tokyo del 1964 con l’obiettivo di stampare i tempi di gara cronometrati da Seiko Epson, per la prima volta, sino al centesimo di secondo. La prima mini-printer si chiamava EP-101 ed ebbe un’eccezionale successo. Da qui nacque, con l’obiettivo di raggiungere altri straordinari risultati, la divisione per produrla e quindi la società che fu ribattezzata con il nome EPSON (EP-son, figlio di EP)”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore