Eric Schmidt (Google): Android rimarrà un sistema compatto

ManagementMarketingMobile OsMobilitySistemi OperativiWorkspace

Eric Schmidt di Google illustra l’evoluzione di Android al Mobile World Congress 2011: fusione in vista ed aggiornamenti semestrali. La Web app del video editor

Eric Schmidt, ex Ceo di Google, “detronizzato” a favore del co-fondatore Larry Page, è arrivato al Mobile World Congress di Barcellona, sapendo che la piattaforma open source di Google, Android, ha superato Symbian nel quarto trimestre del mercato smartphone. Android spopola sui telefonini in versione Gingerbread, e sta cercando di colonizzare i tablet: da Htc Flyer a Lg Optimus Pad 3D fino a Motorola Xoom, i principali concorrenti di iPad (tranne Blackberry Playbook con Qnx) sono dotati di sistema operativo Android 3.0 Honeycomb.

E proprio per rispondere alla accuse di frammentazione, a Mwc Eric Schmidt (Google) spiega che Gingerbread (per smartphone) e Honeycomb (per tablet) si fonderanno in unico Android. Nel limbo si parlerà di Ice Cream, che sfrutterà Fragments UI come ponte fra telefonia / tablet. Il ciclo degli aggiornamenti sarà semestrale. A impedire la frammentazione è l’application store, Android Market, con la clausola antiframmentazione.

Google guarda invece al mondo Pc con Chrome OS (basato sul browser), ma – quando saranno pronti- anche Chrome Os e Android si fonderanno. In tema del matrimonio fra Nokia e Microsoft Windows Phone 7, Eric Schmidt ha spiegato che Google avrebbe preferito che Nokia scegliesse Android, ma è andata diversamente.

Tra le nuove applicazioni, spicca Movie Studio, che permette di editare i video in mobilità.  Si può creare un film con i propri video sul proprio smartphone come se l’utente fosse al PC, aggiungendi effetti, titoli eccetera. Dopo Google Instant, Google punta a una ricerca più mirata e personalizzata, senza violare la privacy.

Ma Eric Schmidt ha parlato a 360 gradi. In ambito browser, Schmidt elogia Chrome: “Chrome è sei volte più rapido degli altri browser per navigare”. Schmidt ha poi detto che una volta l’informazione era destinata alle élites, oggi invece è più democratica ed è per tutti, grazie alle nuove tecnologie. Google vede come concorrente Bing e non Facebook: anzi gli utenti di Facebook usano di più Google, l’uso del social network non fa soffrire il business pubblicitario del motore di ricerca. In tena di mobilità e previsioni future, secondo Schmidt “Fra 10 anni i Pc saranno ancora più Mobile. HTML5 rappresenta il futuro, ma ci vorrà ancora un po’ di tempo per arrivare lì. Infine c’è bisogno di più banda larga, 4G, allargare gli spettri WiFi e per Ipv6 è tempo di dare l’addio a Ipv4, dopo i test.

Eric Schmidt, Ceo di Google a Mwc
Eric Schmidt, Ceo di Google a Mwc
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore