Ericsson: Lo smartphone mette la freccia sulla Tv

MobilitySmartphone
AgCom: Tre italiani su 10 dispongono di smartphone, tablet e notebook
1 4 Non ci sono commenti

Nella fruizione dei video, fra le mura domestiche, i teenager preferisco lo smartphone alla Tv. I teleonini intelligenti al sorpasso sui cellulari. L’analisi di Ericsson

Il mercato smartphone rallenta la corsa, ma batte cellulari e Tv. Salgono a 5 miliardi le persone che possiedono un telefonino cellulare, ma il sorpasso degli smartphone sul telefonino è dietro l’angolo.

Secondo Ericsson, le schede Sim abbinate agli smartphone sorpasseranno il numero delle Sim associate ai telefoni cellulari. Il sorpasso è previsto nel terzo trimestre, fra luglio e settembre prossimi. Entro il 2021, anche gli abbonamenti a smartphone raddoppieranno, passando da 3,4 a 6,3 miliardi.

Ericsson: Lo smartphone mette la freccia su cellulari e Tv
Ericsson: Lo smartphone mette la freccia su cellulari e Tv

Ma il sorpasso più interessante riguarda video e teenager. Gli smartphone superano la Tv come schermo per guardare video mentre si soggiorna in casa. Dal 2011 al 2015 i ragazzi fra i 16 e i 19 anni hanno dimezzato la visione di video in Tv – da 10 a 5 ore circa a settimana -, mentre quasi raddoppiava (+85%) la fruizione di video da smartphone.

I giovani guardano poco più di 5 ore di video a settimana anche da Pc fissi e notebook, e intorno alle 3 ore da tablet.
Il WiFi permette di connettersi a internet per guardare i video in casa, ma i teenager non disdegnano anche le reti cellulari. Nel giro di 15 mesi, da luglio 2014 a ottobre 2015, il consumo di traffico dati per guardare video su smartphone da parte dei ragazzi è salito del 127%.

La sola Cina (1,295 miliardi) conta più abbonamenti mobile di tutta Europa (1,040 miliardi). A tallonare il Vecchio Continente è anche l’India (1,035 miliardi), Paese in grande crescita.

Il tasso di penetrazione degli smartphone vede al primo posto l’Europa con più di un abbonamento per persona (fra il 131% e il 144%), seguita da America Latina (112%), Medio Oriente (113%), resto dell’Asia (108%) e Nord America (109%). In Cina salgono a più di 9 abbonamenti mobile ogni 10 persone (92%), seguono Africa (81%) e India (80%).
Per numero di nuovi contratti di telefonia mobile, i Paesi che crescono più velocemente sono India, Myanmar, Indonesia, Stati Uniti e Pakistan.

Sul fronte streaming, non deve dunque stupire che Vivendi stia preparando la Netflix europea, una Tv on-demand alternativa pan-europea. Sky Television e Vodafone stanno preparando un’alleanza in Nuova Zelanda per fermare l’ascesa delle internet tv, come Netflix e Lightbox di Spark: in vista fusione da oltre 2 miliardi di euro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore