Euronics fucina di idee

Workspace

Tre progetti che guardano al digitale e al tecnologico e una partita che
si giocherà a colpi di software e consumabili. Questi sono alcuni deipunti fermi emersi nel corso del terzo workshop organizzato dalla catena capitanata da Albino Sonato

E chi l’ha detto che l’informatica è fatta solo di hardware? La partita nei reparti dei moderni punti di vendita si giocherà, nei prossimi mesi, a colpi di accessori, componenti, software e consumabili. Secondo Euronics, dunque, è necessario rivedere il mix dell’assortimento e ottimizzare i display per affrontare la fase della rivoluzione digitale: foto digitale, home networking e il servizio al cliente. Questi sono alcuni dei punti fermi che sono emersi nel corso del terzo workshop organizzato dalla catena specializzata nel retaling di elettronica di consumo e di elettrodomestici, capitanata da Albino Sonato, presidente Euronics Italia, workshop dedicato ai settori dell’information technology e alla digital imaging. Sonato ha sottolineato come sia necessaria una maggiore collaborazione tra fornitori e distributori e, non ha esitato nel sottolineare come i soci Euronics stiano soffrendo di sospesi di pagamento. Infine, non ha dimenticato di ricordare agli stessi soci di “insistere e investire maggiormente nel software e nei consumabili, utili questi a dare maggiore visibilità al settore e più affidabilità ai clienti”. Euronics ha messo molta carne al fuoco per i prossimi mesi. Tre progetti, innanzitutto. L’appartamento tecnologico, il Gazebo foto digitale e il mini laboratorio fotografico, tre progetti che, secondo Alberto Sgheiz, direttore commerciale di Euronics, sono considerati ” un laboratorio di idee ai soci per affrontare oggi un mercato che è sicuramente un po’ più complicato di quello degli elettrodomestici”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore