Evitare lo spam

Management

Esaminiamo le funzioni per il filtraggio della posta elettronica e il modo migliore per ordinare i messaggi in entrata

La posta elettronica pu trasformarsi facilmente nel flagello della vita moderna, soprattutto se non la si tiene sotto controllo. La situazione peggiora rapidamente quando la casella di posta in arrivo diventa bersaglio della cosiddetta posta spazzatura, o spam. Con un po di pianificazione e con luso del software per filtrare lo spam, si pu tuttavia rendere un po pi gestibile questo quotidiano diluvio di messaggi. Alcuni programmi email, come Outlook Express di Microsoft, offrono alcune funzioni per il filtraggio automatico dello spam, che certamente aiutano a ridurre la quantit di spazzatura che arriva nelle nostre caselle. La limitazione principale di queste funzioni tuttavia costituita dal fatto che il software potrebbe bloccare anche alcuni messaggi legittimi, con la conseguenza che potrebbe andare perso qualche messaggio importante. La gestione della posta elettronica comporta un paio di fasi. La prima consiste nel verificare chi dispone del vostro indirizzo email, e che indirizzo ha. La seconda fase quella di gestire i messaggi nel momento in cui arrivano. Se usate spesso la posta elettronica, preferibile avere pi di un indirizzo; per esempio, uno per gli affari e un altro per lutilizzo personale, in modo che sia possibile filtrare i messaggi pi facilmente. Avendo due indirizzi email separati si pu, per esempio, controllare soltanto la posta di lavoro quando si in vacanza. Anche se il vostro Isp non offre questa opzione, online potete trovare moltissimi posti che vi offrono un nuovo indirizzo, una casella di posta alla quale ci si pu connettere usando un programma email standard (come il servizio Mac.Com di Apple per gli utenti del Mac), oppure ridirigendo lindirizzo verso la vostra attuale casella di posta. Quando ci si registra con un Isp, bisogna tener conto del fatto che moltissimi servizi Web richiedono il vostro indirizzo email nel momento in cui effettuate la registrazione. Vi verr probabilmente offerta la possibilit di scegliere se desiderate o meno ricevere della posta aggiuntiva. sempre possibile fornire un indirizzo falso, ma questa tecnica non funziona con i siti che vi inviano una conferma per email; inoltre, la situazione potrebbe diventare molto fastidiosa se in un secondo tempo doveste aver bisogno di farvi mandare via email la password di accesso al sito. La soluzione migliore quella di predisporre un nuovo indirizzo email per ciascun sito. Esistono anche altri trucchi, che dipendono dal tipo di sistema email che viene usato per distribuire la posta – un settore dove gli utenti di Linux/Unix possono facilmente usare alcune funzionalit extra. Questo tipo di trucco si basa su una funzionalit presente in alcuni sistemi di posta e progettata semplicemente per facilitare il filtraggio dei messaggi. Fondamentalmente, si aggiunge al proprio indirizzo email una parte extra, la quale viene ignorata dal sistema, che distribuisce i messaggi alla solita casella. Per esempio, il sistema sendmail, uno dei pi diffusi su Internet, cerca il segno + nellindirizzo e lo ignora insieme tutto ci che segue. In conseguenza, se la vostra casella di posta su un sistema basato su sendmail, per la posta normale potete fornire a tutti il vostro indirizzo pippo@topolinia.com. Quando per vi registrate presso un quotidiano online, potreste usare pippo+news@topolinia.com, mentre quando vi registrate su un sito di aste potreste usare pippo+aste @topolinia.com. Tutta la posta continuer ad arrivare nella vostra casella, ma il programma di posta potr ordinarla automaticamente esaminando le intestazioni dei messaggi

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore