Excite@Home corre ai ripari

Network

Il servizio statunitense per la larga banda stringe unalleanza con Digital Island per migliorare il suo servizio

Excite@Home, il provider su larga banda, cerca di recuperare limmagine un po sbiadita negli ultimi tempi, unendo le forze con Digital Island che dovrebbe cercare di mettere a posto un network che negli ultimi tempi è stato al centro di parecchie critiche. Excite@Home negli ultimi tempi si è costruito suo malgrado, la fama di provider poco affidabile e deve cercare di recuperare rapidamente se vuole sostenere i costi della sua infrastruttura da 15.000 miglia. Hemant Vaidya, vice-presidente senior di Excite@Home, ha spiegato che Digital Island e Excite@Home lavoreranno assieme per risolvere il problema del collo di bottiglia che rallenta di molto le performance soprattutto per i contenuti audio e video. Lalleanza garantirà unesperienza assolutamente affidabile per tutti i collegamenti in larga banda. Excite@Home, il sesto provider degli Stati Uniti ha dovuto fare i conti con risultati poco brillanti per il report finanziario del primo trimestre 2001. Di conseguenza è arrivata la decisione di tagliare il settore business per concentrarsi sulla clientela consumer. I molti problemi riscontrati dai provider via cavo statunitensi, sarebbero dovuti allarchitettura dei collegamenti privati, non in grado di garantire una velocità accettabile nelle ore di punta. La banda limitata provocherebbe degli imbottigliamenti soprattutto nelle ore di maggior utilizzo della televisione che andrebbe a togliere velocità alla connessione in rete. Secondo alcuni tecnici, i problemi sarebbero però dovuti anche al sistema di caching delle pagine maggiormente visitate (retrieving dal server troppo lento) e proprio in questo senso lalleanza con Digital Island dovrebbe garantire migliori prestazioni.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore