Expo 2015 contro i falsari del Made in Italy agroalimentare

Autorità e normativeNormativa
Expo 2015 contro i falsari del Made in Italy agroalimentare
1 1 Non ci sono commenti

Expo 2015 è l’occasione per scommettere sull’autenticità dei prodotti, rilanciando la lotta ai falsari del Made in Italy agroalimentare

La contraffazione affligge tanti settori: dal digitale alla moda. Ma i falsari del Made in Italy agroalimentare producono danni: i loro prodotti dall’accento italiano, ma falsi, generano 60 miliardi di fatturato annuo. Ricavi pari a 300.000 posti di lavoro persi.

Expo 2015 contro i falsari del Made in Italy agroalimentare
Expo 2015 contro i falsari del Made in Italy agroalimentare

Eppure, esiste la tecnologia per contrastare la contraffazione: sono da tempo in commercio sistemi che offrono un sistema di anti-contraffazione in grado di verificare l’autenticità dei prodotti di marca attraverso un’app mobile o un servizio desktop, in modo che chiunque possa monitorare e controllare l’originalità dei prodotti prima o dopo l’acquisto.

Expo 2015 rappresenta l’occasione per scommettere sull’autenticità e sull’originalità dell’agroalimentare italiano, facendo una seria lotta al fenomeno dell’ “Italia sounding” (il Parmigiano con nome fasullo ma simile eccetera), per contrastare la piaga della contraffazione alimentare.

L’Italia deve tutelare i 271 prodotti a denominazione Dop e Igp (cui si affiancano due Specialità agroalimentari tradizionali – Stg), per un totale, stimato da Coldiretti, di circa 90 mila addetti e 150 mila ettari coltivati. Una produzione che totalizza 6,6 miliardi di euro, mentre il valore dell’export nel 2014 vale 2,4 miliardi di euro, in crescita del 5% rispetto all’anno precedente.

Proprio a Expo 2015, Cisco ha presentato
Safety for Food che, basata sulle tecnologie dell’Internet of Everything, dispone di una complessa piattaforma tecnologica attivata da Penelope SpA –  la società italiana di servizi e consulenza ICT che vanta esperienza nel settore dell’industria alimentare e che ha realizzato il sistema di tracciabilità al centro del progetto (ValueGo – il passaporto digitale dei prodotti agroalimentari) con la consulenza di Cisco Italia.

EXPO 2015 è iniziato: ma come è coinvolto il mondo tecnologico in questo grande evento? Prova a rispondere al nostro quiz.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore