F8: Facebook svela TimeLine, la musica di Spotify e i video di Netflix

AziendeMarketing
Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook

Facebook svela le novità alla conferenza sviluppatori f8. Dalla musica in abbonamento a Timeline, la storia della nostra vita in un’unica pagina. La condivisione al tempo delle apps

Ogni singolo giorno mezzo miliardo di persone usano Facebook, il social netwok più popolare al mondo. Facebook, che ha appena compiuto 7 anni, è un flusso in evoluzione. Sta per diventare un brand consumer a tempo pieno in cui convergerà l’intera industria del publishing, film, musica e Tv. L’accordo con Spotify e altri siti musicali riporta alla ribalta il concetto di “pagare la musica che si ascolta“: pagando abbonamenti e non per ogni traccia scaricata (un concetto obsoleto, legato ad iTunes). Facebook ha anche sottoscritto un’intesa con Netflix per i video. Alla conferenza sviluppatori F8 il Ceo Mark Zuckerberg ha inoltre annunciato “Timeline“, la storia della vita degli utenti. Timeline cambia la modalità con cui Facebook presenta le informazioni degli utenti, ordinando tutte le storie, tutte le apps ed un nuovo modo di “esprimere chi siete“, come ha detto Zuckerberg.

“Timeline rappresenta le storie importanti della vita degli utenti in una singola pagina” ha spiegato alla platea di F8 Zuckerberg. Più si va indietro lungo la “linea del tempo”, e più la Timeline racconta che cosa avete fatto. “E’ come illustrare la stoia della vostra vita in una sola pagina“. Le funzionalità di Timeline consistono in sezioni che includono mattonelle visuali (i tiles), modi per ottenere tutte le apps, una foto di copertina e modalità per esprimere chi siamo in realtà.

Facebook presenta TimeLine a F8
Facebook presenta TimeLine a F8

Facebook ha stabilito un‘alleanza musicale con Spotify, per portare l’esperienza di condivisione di Napster in forma legale. Gli utenti di Facebook su Spotify possono ascoltyare più musica; possono scegliere più generi musicali; comn Spotify si torna a pagare la musica di nuovo. Ma Facebook non ha siglato una partnership solo con la musica di Spotify, ma anche con Mog, Vevo, Rhapsody, Turntable.fm, Mixcloud, Jelli, Slacker, Songza, Rdio, Soundcloud, Earbits.

L’accordo con Netflix è stato annunciato dal CEO Reed Hastings, sul palco di f8. Ma, anche in questo caso, l’accordo non riguarda solo Netflix ed Hulu, bensì: IMDB, DirectTV, DailyMotion, Ina, FLixster, Blockbuster, Cinemur, Izlesene, Into_Now.

Non solo Netflix: gli accordi di Facebook nei video
Non solo Netflix: gli accordi di Facebook nei video

Ma Facebook non vuole solo “condividere” musica e film, ma “socializzare” anche la lettura. Nell’ambito delle social news, per esempio, Yahoo! utilizza Open Graph per semplificare la scoperta di storie lette dagli amici; invece il Washington Post sfrutta la sua app Social Reader canvas cosicché i lettori possono leggere ciò che gli amici cercano, e leggere Facebook come “canvas app”. Attualmente le apps tengono traccia di tutto: Zuckerberg ha mostrato come l’app Nike+ ci dica quanto i nostri amici abbiano corso oggi. Foodspotting elenca i pasti taggati. altre apps dalla “memoria lunga” sono: Airbnb, Disqus, Stubhub, Path, Appsfire, Grockit, Yummly, RockMelt, BranchOut, SneakPeeq, TicketFly, BuzzFeed ed altre. Adesso Open Graph sposa la Timeline di Facebook.

Gli utenti possono aggiungere le attività delle apps a Ticker senza una finestra di dialogo. Ogni cosa facciamo nelle app viene aggiunto alla linea del tempo di timeline. Apps posso introdurre nuove acttività alla timeline in automatico. E’ possibile sistemare gli aggiornamenti delle app, che possono essere create, aggregatndo summari delle proprie attività da queste stesse apps. Ogni mese si può controlare quali canzoni abbiamo soprattutto ascoltato, quante volte abbiamo mangiato la pizza, o a quali giochi abbiamo giocato. Gli amici possono verificare le attività allo scopo di scoprire nuova musica, giochi e ristoranti. Open Graph è stata integrata nelle developer apps grazie alla “frictionless”.

Zuckerberg di Facebook a F8
Zuckerberg di Facebook a F8

Poiché Facebook sta diventando un “must per ogni brand“, è nato Platlas, il primo atlante per il mondo del social-networking: permette agli utenti di trovare le loro vie nel social network, esplorare nuovi percorsi ed interazioni con altree persone, aziende e brand.

UPDATE: Facebook porta la condivisione 2.0 su un nuovo livello. Il social network diventa il luogo dove non solo le persone si mettono in contatto fra di loro, ma diventa il social network dove gli utenti condividono tutto: musica, video, film, trasmissioni Tv, letture, ricette di cucina ed esercizi. Le nuove applicazioni permettono agli utenti di rendere note le loro attività e preferenze nei media come musica, TV shows e cinema . Il tutto condividendo con semplicità e rapidità questi aggiornamenti. Zuckrberg mette infatti l’accento sul concetto di sharing: “è bello sapere di aver aiutato un amico a scoprire una cosa nuova, che agli altri piaccioni i tuoi gusti e che avete qualcosa d’importante in comune“.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore