Facebook acquisisce la startup Onavo

AcquisizioniAziendeMarketingSocial media
Facebook Paper, un news reader standalone per il Mobile, è la prossima frontiera di Facebook?
0 0 Non ci sono commenti

Facebook compra la startup israeliano Onavo

Facebook acquisisce Onavo, la startup israeliana che realizza apps. Per il social network di Menlo Park, che ha pagato fra 150 e 200 milioni di dollari, si tratta della più grande acquisizione in Israele. Le applicazioni mobili di Onavo sono utility che aiutano gli utenti a tagliare i costi attraverso un più efficiente utilizzo dei dati. Onavo continuerà ad essere un brand standalone.

Onavo ha raccolto 13 milioni di dollari dai venture capital, secondo Calcalist. Investitori sono Sequoia Capital, Magma Venture Partners, Horizons Ventures and Motorola Mobility Ventures.

Questa acquisizione aiuterà Facebook a spingere Internet nel mondo. Il social media è partner di Internet.org, un’alleanza nonprofit globaleche include anche Ericsson, Opera, Nokia, Qualcomm: “Speriamo di giocare un ruolo critico nel raggiungere i principali obiettivi di Internet.org, che consistono nell’usare i dati più efficientemente, cosicché le persone nel mondo possano connettersi e condividere” hanno dichiarato Rosen and Tiger di Onavo.

Settimana scorsa è nata Alliance for Affordable Internet per combattere il Digital Divide (divario digitale) nei Paesi più poveri. L’idea consiste nel tagliare i costi di Rete dal 30% al 5% di entrate mensili mondiali, come ha stabilito la Commissione per la banda larga delle Nazioni Uniti.

Onavo manterrà gli uffici in Israele. Per la prima volta Facebookguiderà un centro di ricerca e sviluppo in Israele secondo Haaretz. In passato i dipendenti di Snaptu e Face.com si trasferirono nella sede del social network guidato da Mark Zuckerberg. Ed ora Facebook può piantare una bandierina anche a Tel Aviv.

Facebook acquisisce Onavo
Facebook acquisisce Onavo
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore