Facebook acquisisce Shazammy

AcquisizioniAziendeMarketingSocial media
Facebook acquisisce Shazammy
1 0 Non ci sono commenti

Facebook fa shopping nelle apps, aggiudicandosi Shazammy. Per sfidare Twitter nell’arena dei media e delle conversazioni sui grandi eventi Tv o musicali

Facebook acquisista Shazammy: “Significa che se volete condividere il fatto che state ascoltando la traccia favorita di Beyoncé o guardando la premiere di Game of Thrones, lo potete fare velocemente e con semplicità, senda digitare nulla” ha spiegato su un post sul blog Aryeh Selekman, product manager di Facebook.

Facebook aggiungerà tecnologia alle sue apps mobili in grado di riconoscere musica, film o trasmissioni Tv che gli utenti stanno seguendo. Si tratta dell’ultima mossa dell’azienda di Menlo Park per dare prominenza ai media ed intrattenimento sui social network. La nuova app introduce opzioni in stile Shazam, identificando un brano musicale o una trasmissione televisiva in 15 secondi, solo catturando il suono. Dal Newsfeed, gli amici potranno cliccare su un linkche permetterà loro di ascoltare un video clip di una canzone (su Spotify, Rdio o Deezer— tutti servizi già partner di Facebook sulla nuova funzionalità) o li indirizzerà sulla pagina ad hoc di Facebook.

Facebook acquisisce Shazammy
Facebook acquisisce Shazammy

Il social network guidaro dal Ceo e co-fondatore Mark Zuckerberg può adesso ascoltare, riconoscere, condividendo il tutto nell’aggiornamento di stato al posto vostro.

Secondo Business Insider, Facebook impiega oggi meno tempo per trovare rispetto a Shazam. Il nuovo prodotto sembra essere il pià recente tentativo di Facebook per sfidare Twitter, questa voltà nell’arena dei media. Finora  Twitter è bombardato da conversazioni durante i grandi eventi TV o musicali. Ma anche Facebook non vuole rimanerne fuori.

Riguardo ai programmi televisivi, Facebook offrirà l’episodio e la stagione specifica guardata dall’utente e la condividerà nei news feed. Per le canzoni, sarà forntà un’anteprima di 30 secondi. Il nuovo servizio sarà disponibile su Android e iOS nelle prossime settimane, tramite meccanismo di opt in.

Infine il social network sta espandendo l’autoplay dei video pubblicitari, senza sonoro: sui dispositivi Mobili, l’autoplay funzionerà solo quando l’utente è connesso in WiFi. Facebook vuole continuare a battere il ferro finché è caldo nell’advertising, dopo aver riscosso successo nell’aumentare i ricavi pubblicitari, avendo registrato un rialzo significato negli ultimi 12 mesi, grazie anche all’impatto del Mobile. La funzione Premium Video Ads debutterà in Brasile, Canada, Germania e Giappone: ogni spot video durerà 15 secondi e inizierà a girare senza somoro appena appare sullo schermo.

Facebook ha archiviato il primo trimestre del 2014 registrando 2.27 miliardi di dollari dall’advertising, con un incremento dell’82% sullo stesso periodo dell’anno scorso. L’advertising mobile, un anno fa assente, rappresenta ormai circa il 59% del totale del fatturato da advertising, con una crescita del 30% nel primo trimestre 2013. Oggi però il 60% dei video ads nel Mobile non sono visti, e ciò rappresenta un rischio per Facebook: l’autoplay potrebbe rappresentare la svolta.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore