Facebook at Work arriverà nei prossimi mesi

MarketingSocial media
Facebook at Work arriverà in ottobre
0 22 Non ci sono commenti

La versione professionale del social network, da usare in ufficio, si chiama Facebook at Work. Il servizio, da un anno in beta testing su invito, arriverà nei prossimi mesi dopo un anno di sperimentazioni

Facebook sta da mesi preparando una versione professionale del social network, da usare in ufficio. Facebook at Work arriverà nei prossimi mesi dopo un anno di sperimentazioni, secondo Rueters.

Il nuovo servizio vuole espandere la collaboration in ufficio. Il social per professionisti è quasi identico alla versione consumer del social network in blu: con i feed, i like, gli eventi e la chat, ma i profili saranno nettamente distinti. Infatti si tratta di “un’esperienza completamente separata da quella della piattaforma”, che permette agli impiegati di connettersi e collaborare in modo efficace attraverso l’utilizzo degli strumenti Facebook.

Facebook at Work arriverà nei prossimi mesi
Facebook at Work arriverà nei prossimi mesi

L’applicazione manterrà i post di ogni azienda privati e si presenta come alternativa all’email di lavoro e al sistema intranet aziendale: serve ai co-worker e ai collaboratori per condividere le informazioni. Facebook At Work si propone come risposta (e diga) contro l’overload di posta elettronica, quel diluvio di email che fa perdere tempo e mina la produttività sul posto di lavoro.
Il 95% di ciò che era stato sviluppato per il social media è stato adottato per Facebook at Work” spiega a Reuters Julien Codorniou, direttore delle partnership della piattaforma globale di Facebook.

L’azienda di Menlo Park affila le unghie nella sfida ai social network per profesionisti, come LinkedIn e Microsoft Yammer (acquisita per 1,2 miliardi di di dollari nel 2012), Jive e MangoApp. Il mercato delle carriere online, che spazia da LinkedIn a Monster, vale 6 miliardi di dollari all’anno.

Il servizio è in beta testing e funziona su invito. Lo stanno utilizzando 300 aziende, fra cui spiccano Heineken, Royal Bank of Scotland e, dalla prossima estate, i 13 mila dipendenti della francese Club Mediterranee.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore