Facebook avverte che la crescita advertising rallenterà

AziendeMercati e Finanza
Facebook avverte che la crescita advertising rallenterà
1 0 Non ci sono commenti

Solida trimestrale per il social network, le cui quote di mercato lievitano nel settore della pubblicità. Ma per non perdere utenti, Facebook progetta un significativo rallentamento nell’advertising. Previste spese significative nel 2017

Facebook prevede che i costi aumenteranno ed avverte che la crescita del fatturato derivante dall’advertising è destinata a rallentare. Il titolo del social network è sceso dell’8,5% in seguito alla pubblicazione della trimestrale, nonostante abbia messo a segno una solida crescita finora, anche nel Mobile. Partiamo dai numeri: il social network di Menlo Park conta 1,8 miliardi di utenti (per l’esattezza, 1.79 miliardi, con un incremento del 16%), ha registrato un incremento del fatturato pari al 56%, oltre le previsioni, a quota 7.01 miliardi di dollari. Si tratta del quarto trimestre di crescita consecutiva con percentuali superiori al 50%. Gli utili si attestano a 1.09 dollari per azione, meglio delle previsioni: 2.4 miliardi di dollari, con un balzo del 166%.

Facebook avverte che la crescita advertising rallenterà
Facebook avverte che la crescita advertising rallenterà

Ma Facebook non vuole alienarsi le simpatie degli utenti e per non perdere clienti, preferisce rallentare: dall’advertising deriva il 97% del fatturato dell’azienda californiana. Il re dei social media ha raggiunto il limite della pubblicità nei news feed, ed ora, per crescere, deve puntare su prezzi, coinvolgimento utenti, crescita della base utenti, in attesa che la realtà virtuale (Oculus Rift) e la messaggistica mobile (Whatsapp) diventino profittevoli. A Facebook conviene aumentare il tempo speso sul sito che aggiungere altra pubblicità. Gli utenti attivi mensili sono saliti del 4.7%.

Gli utenti nel Mobile si attestano a un miliardo di unità. L’advertising Mobile è passato dal 78% di un anno fa all’attuale 84% sul fatturato totale pubblicitario, pari a 6.82 miliardi di dollari. Sia Instagram che Facebook stanno scommettendo sui video, segno che la strategia video-first sta dando buoni frutti.

Inoltre, la società guidata dal Ceo Mark Zuckerberg prevede aggressivi investimenti nel 2017, per costruire data center ed assumere i migliori ingegneri, che contribuiranno a far lievitare le spese. Facebook ha assunto 1.200 dipendenti, per una forza lavoro totale di 15.700 unità.

Internet.org, l’iniziativa per abbattere il divario digitale nel mondo, conta 40 milioni di utenti, in aumento rispetto ai 15 milioni di un anno fa.

Facebook si sta focalizzando sempre più nell’e-commerce e non solo con Marketplace e le chatbot. Instagram ha appena introdotto i cosiddetti “shoppable tag”, e cioè tag per l’e-commerce, posi sulle immagini postate da 20 brand del retail tra cui spiccano Abercombie&Fitch,  Hollister,   Kate Spade, Levi’s, Macy’s, Michael Kors. La funzione, al momento attiva solo per gli utenti iOS, permette ai retailer di taggare i prodotti presentati all’interno di una imagine con l’etichetta Tap to view products (Tocca per vedere i prodotti): basta selezionare il prodotto per aprire una pagina in-app con i dettagli, il prezzo, ulteriori immagini e il bottone Shop Now (Acquista ora) per l’e-commerce.

Il titolo ha guadagnato il 22% quest’anno.

WhitePaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il Whitepaper: Siete in grado di garantire una mobile experience di qualità?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore