Facebook cade sotto i 33 dollari. Il ruolo insolito di Morgan Stanley

AziendeMarketingSocial media
comScore misura l'impatto dell'asdvertising su Facebook

Il social network guidato dal Ceo Mark Zuckerberg perde terreno. Il calo del 10 percento al Nasdaq porta il titolo di Facebook sotto l’IPO. Perché Morgan Stanley ha tagliato le previsioni a metà IPO?

Nonostante il guadagno del 10% nel primo giorno, noi di ITespresso.it avevamo parlato di un “esordio in chiaroscuro” per Facebook, il social network da 901 milioni di utenti. E oggi, il primo lunedì di Facebook in Borsa è un lunedì nero. O quasi. Il social network guidato dal Ceo Mark Zuckerberg perde terreno, in flessione del 10% al Nasdaq. I piccoli non comprano a causa dell tetto imposto.

Il titolo di Facebook scivola sotto i 33 dollari, dunque sotto l’IPO, mentre svanisce l’effetto hype della quotazione. La quotazione aveva concesso a Facebook una valutazione sopra i 100 miliardi di dollari, con 38 dollari per azione. Ma se il debutto è stato funestato da problemi al Nasdaq, oggi c’è un’atmosfera più volatile: la cautela è d’obbligo.

Facebook non ha saputo ripetere le performance di LinkedIn, il social network per professionisti, che aveva raddoppiato il valore nel primo giorno di scambi: ma capitalizza 10.3 miliardi di dollari. Groupon, che si è quotata l’anno scorso a 20 dollari, è balzata del 31% nel primo giorno, ma ora è scambiata ad appena 11.58 dollari.  L’IPO ha valutato Facebook 107 volte gli utili. Google, che ha registrato ricavi per 37.9 miliardi di dollari l’anno scorso, si era impennato del 18% nel primo giorno di quotazione nel 2004.

A sorpresa anche Morgan Stanley, che ha guidato il collocamento di Facebook, ha rivelato agli investitori tutti i dubbi sul colosso di Mark Zuckerberg, a ridosso della quotazione. È insolito tagliare le prevision a metà dell’IPO, ma l’improvvisa cautela del book runner ha di fatto provocato uno shock presso molti investitori. I punti deboli di Facebook sono: la crescita in Asia (il social network non ha mai sfondato ad Est, dalla Russia alla Cina; a Facebook serve una partnership forte, magari con Baidu); il Mobile (serve una nuova app con advertising mobile per monetizzare la popolarità di Facebook su smartphone e tablet).

Il matrimonio di Mark Zuckerberg con la storica fidanzata Priscilla Chen ha lasciato freddi i mercati. Ma a far tremare Facebook è la causa da 15 miliardi di dollari depositata presso la corte distrettuale del Norrd California. Il ricercatore Nic Cubrilovic aveva scoperto che il sito tracciava l’attività browser perfino dopo che l’utente si era scollegato. Il tracciamento dopo il log out da Facebook finisce in tribunale.

Facebook cade sotto l'IPO
Facebook cade sotto l'IPO
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore