Facebook fa inversione a U e viene incontro agli utenti

Autorità e normativeSorveglianza

Dopo la tempesta sulla modifica delle condizioni d’uso, Facebook ha fatto marcia indietro, tornando al precedente testo di Terms of use.

Facebook coi suoi 175 milioni di utenti attivi, era finita nell’occhio del ciclone: materia del contendere era la modifica delle condizioni d’uso . Ora Facebook fa una repentina marcia indietro: come un anno fa con un altro contenzioso (sulla privacy e l’advertising online), il sito di Marck Zuckerberg fa inversione a U.

Le sue giustificazioni non avevano placato le ire degli utenti, che temevano per i propri dati sul sito: “A causa del genere di feedback che abbiamo ricevuto, abbiamo deciso di tornare al nostro precedente Terms of Use mentre cerchiamo di risolvere le questioni che sono state sollevate dagli utenti“.

Il Garante della Privacy italiano ha di recente ricordato : prima di tutto, devono avere a cuore la propria privacy, gli utenti stessi, decidendo cosa “postare” e cosa no, quali informazioni rendere note (e a chi) e quali no. Perché su Internet il diritto all’oblio non esiste: la Rete ha memoria lunga, anche di ciò che vorremmo cancellare per sempre.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore