Facebook lancia Open Graph con 60 partner

AziendeMarketingSocial media
Fsacebook Open Graph

Facebook introduce 60 applicazioni con partner su Open Graph. Il servizio che consente agli utenti di condividere le attività con gli “amici” del social network

Facebook ha aperto i battenti all’attesissimo Open Graph, il tool per consentire agli sviluppatori di terze parti di condividere attività sulla Timeline. Facebook introduce 60 partner al servizio che permette agli utenti di mettere in condivisione le attività (ascoltare musica, vederevideo eccetera) con gli “amici” del social network. I sessanta partner del social network con 800 milioni di utenti, sono: AirBnB, Runkeeper, Pintrest, Ticketmaster, Rotten Tomatoes, Foodspotting, il servizio e-book Kobo e il sito di viaggi Gogobot; ma ora Facebook apre a tutti gli sviluppatori.

Il social network si avvia verso l’app-ificazione della timeline. Lo strumento Open Graph consentirà agli sviluppatori di tuffarsi nel social graph di Facebook in modo tale che gli utenti possano condividere attività che stanno conducendo sui siti (l’altro giorno debuttava negli Usa “Ascolta con“).

D’ora in poi potremo sapere quando un un amico ascolta una canzone su Spotify. Ma poiché i partner sono una sessantina e si occupano delle attività più disparate, le attività sulla timeline saranno coperte: ogni cosa che facciamo online potrebbe finire su Facebook, con un’ipoteca sulla privacy.

Facebook apre le porte a nuove opportunità per l’advertising. E le nuove alleanze renderanno Facebook più di un media hub, portandolo più in rotta di collisione con  Google ed Apple. Con OpenGraph nasce una nuova ondata di apps. Le attività si divideranno in tre: Ticker, News Feed e Timeline. Il servizio consente agli sviluppatori di Facebook di creare applicazioni, più mirate e personalizzate per i loro utenti.

L’evoluzione di Facebook consiste nel rendere la piattaforma più flessibile e far sì che abbia più significato in termini di attività degli utenti consumer e come loro le descrivono. Un solo esempio: il sito Ticketfly che vende biglietti per i concerti musicali ed altri eventi, ha aggiunto nuovi pulsanti al sito web per consentire agli utenti di cliccare “Mi piace” su artisti particolari su Facebook, dopo ogni acquisto di biglietto; inoltre i visitatori possono cliccare su nuovi bottoni, indicando “I’m Seeing” per uno sta guardando una band con gli amici su Facebook.

Nelle scorse settimane eBay e Facebook hanno siglato un’alleanza per lo shopping in chiave social: Open Graph di Facebook, la nuova mappa di connessioni che gli utenti di Facebook creano con amici e contenuti online, sarà integrato “senza interruzioni” nelle applicazioni sviluppate con certi servizi e tecnologie di eBay. eBay, che vuole attrarre sviluppatori esterni per incoraggiarli a creare applicazioni per la sua piattaforma di e-commerce (e, allo stesso tempo, vuole trainare la propria crescita nel commercio mobile), ha lanciato X.commerce, la sua nuova divisione dedicata agli sviluppatori software. Le funzionalità di Facebook nei prodotti e-commerce hanno la potenzialità di rendere lo shopping online un’esperienza maggiormente personalizzata, disponendo dei pensieri e delle opinioni degli utenti sui prodotti sugli scaffali virtuali.

In una lezione ad Harvard, la sua ex università, lo scorso autunno Mark Zuckerberg ha detto che la quantità di contenuti che gli utenti condividono su Facebook raddoppia di anno in anno, e ciò avverrà per molti anni ancora. “Se proiettate le stime in 10 anni, ogni utente condividerà circa 1.000 volte più al giorno di quanto facciano oggi, e due alla decima fa 1024“.

Facebook lancia Open Graph

Fsacebook Open Graph
Facebook apre Open Graph
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore