Alla soglia dei 700 milioni di utenti, Facebook rallenta

AziendeMarketingMercati e FinanzaSocial mediaWorkspace
Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook, va in Sud Corea: incontra Samsung

Negli ultimi due mesi i nuovi iscritti al social network sono inferiori rispetto alla media precedente. Le preoccupazioni su privacy e sicurezza IT incidono sulla flessione della crescita in Facebook? Il social network nega

Facebook, il social network di Mark Zuckerberg, sembra aver scalato la marcia. La corsa sembra ora rallentata. All’inizio del mese contava 687 milioni di utenti. Ma, secondo Inside Facebook Gold, i dati mostrano che la crescita di Facebook è in flessione per il secondo mese consecutivo.Fino a due mesi fa Facebook crescev di circa 20 milioni di nuovi utenti al mese. Però l’incantesimo sembra essersi rotto ad aprile, quando Facebook ha guadagnato solo 13.9 milioni di nuovi utenti e poi a maggio quando sono entrati nel social network “solo” 11.8 milioni di nuovi membri.

La crescita al rallentatore è spia di una certa stanchezza? Oppure le polemiche sulla privacy stanno facendo breccia sugli utenti? Questi sono gli interrogativi che si pongono gli osservatori di social media. Interrogativi da non prendere sotto gamba, visto che alla crescita globale di Facebook, corrisponde una perdita di utenti nei “mercati maturi” come Usa e Canada.

Infatti Facebook ha perso 6 milioni di utenti alla fine del mese negli Stati Uniti (dove gli utenti si attestano a 149.4 milioni) e in Canada la perdita è più contenuta a 1.52 milioni di utenti (a quota 16.6 milioni di canadesi). Nel frattempo Facebook studia come sfondare ad Est, visto che lo sbarco in Cina dovrebbe avvenire con Baidu, ma ancora non si quando. Ma il calo in Nord America segna una controtendenza, tutta da decifrare. Facebook si è dovuta scusare per come ha gestito l’espansione della funzionalità del riconoscimento facciale, un’opzione “delicata” per chi ha a cuore la propria privacy. Anche l’apertura, subito smentita, ai minori di 13 anni, non è stata gestita con accortezza.

In queste ore la stampa si chiede se il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg si sposerà con la fidanzata (come sarebbe sfuggito a Bill Gates, ma il Ceo di Facebook smentisce). Forse i media dovrebbero meno inseguire il gossip e analizzare questi numeri. Anche perché le Ipo dei social network al Nasdaq sono in pieno boom, e quella di Facebook è prevista (anche se tuttora non confermata) nel 2012.

Con quasi 700 milioni di utenti, l’Ipo di Facenook potrebbe oltrepassare i 100 miliardi di dollari, come ITespresso già ipotizzava nelle scorse settimane. In pole per l’operazione dovrebbe essere Goldman Sachs.

UPDATE 14 giugno ore 17: Facebook risponde alle critiche e, in merito all’ipotizzato rallentamento, si smarca e afferma di essere soddisfatto dell’attuale tendenza di crescita: “Di tanto in tanto compaiono articoli in cui si sostiene che Facebook sta perdendo utenti in alcuni paesi o sta registrando una riduzione della crescita complessiva. Alcune di queste notizie usano dati estrapolati utilizzando il nostro strumento pubblicitario che fornisce soltanto una stima approssimativa del reach degli annunci pubblicitari e non è stato progettato per monitorare la crescita complessiva di Facebook. Riteniamo il nostro trend di crescita molto soddisfacente così come le modalità con cui le persone interagiscono con Facebook. Più del 50% dei nostri utenti attivi si collegano a Facebook ogni giorno.

Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook, nel privato
Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook, nel privato
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore