Facebook sceglie Morgan Stanley per l’Ipo

AziendeMarketingMercati e FinanzaSocial media
Facebook: istruzioni per l'uso dell'IPO

L’iter per l’initial public offering (Ipo) di Facebook è sul trampolino di lancio. Morgan Stanley potrebbe accompagnare la quotazione del social network con 800 milioni di utenti

Bloomberg riporta che Facebook avrebbe scelto Morgan Stanley per l’Ipo più attesa dalla quotazione di Google al Nasdaq nel 2004. Ad aiutare le vendite saranno Goldman Sachs, Jp Morgan Chase, Barclays, Bank of America. Secondo il Wall Street Journal, oggi il social network con oltre 800 milioni di utenti potrebbe finalmente depositare i documenti alla SEC (IPO filing). Facebook punta a rastrellare 5 miliardi di dollari. Ma si è parlato di 10 miliardi di dollari per un’Ipo da 100 miliardi: tutti numeri da prendere al momento con il beneficio del dubbio, anche perché a Facebook converrebbe un’Ipo da 75 miliardi di dollari.

L’S-1 filing alla SEC (Securities and Exchange Commission), la Consob a stelle e strisce, rappresenta la prima vera occasione per dare un occhio alle vere cifre di Facebook: l’anno scorso Reuters scoprì che i ricavi di Facebook nella prima metà del 2011 erano raddoppiati  a 1.6 miliardi di dollari, con un utile di 500 milioni di dollari. Oggi il fatturato potrebbe essere raddoppiato a quasi 4 miliardi di dollari, grazie al boom del display advertising: ma soltanto le carte potranno confermare o smentire queste previsioni.

Lo scorso giugno, secondo EMarketer, Facebook ha sorpassato Yahoo! nel mercato del display advertising:  ha raggiunto quota 2.19 miliardi di dollari nel mercato banner di quest’anno, pari al 17.7% di share del mercato Usa, oltre il 13.1% di Yahoo!. Ma dai documenti S-1 sapremo meglio quanto Facebook ricava dall’advertising, quanto dalle applicazioni, quali strategie ha nel business del search e quali sono i termini della partnership con Microsoft AdCenter. Facebook conta 3.000 dipendenti.

In ogni caso, secondo Bloomberg, sarà l’Ipo più grande mai visto di un’azienda Internet: Infineon Technologies totalizzò 5.85 miliardi di dollari nel 2000. Ora tocca a Facebook dimostrare quanto vale in Borsa.

Dì la tua in Blog Café: Facebook, i segreti in 197 pagine

Facebook verso Wall Street
Facebook apre ufficio a New York per quotarsi a Wall Street
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore