Facebook scommette sulla pubblicità Tv

MarketingPubblicità
Facebook scommette sulla pubblicità Tv
1 1 Non ci sono commenti

A Wall Street Facebook diventa la sesta azienda di S&P 500, prima di General Electric. E il social network guidato dal Ceo Mark Zuckerberg punta all’advertising Tv

Grazie a una buona trimestrale, con fatturato in crescita del 41%, Facebook vola a Wall Street: adesso vale oltre 300 miliardi di dollari, diventando la sesta azienda di S&P 500, davanti a General Electric (GE).

Facebook scommette sulla pubblicità Tv
Facebook scommette sulla pubblicità Tv

Il social network guidato dal Ceo Mark Zuckerberg vola in Borsa grazie al mobile advertising. Ma adesso Facebook punta all’advertising Tv, grazie al boom della visione di video sul social network: si attestano a 8 miliardi i video visti sulla piattaforma, rispetto al miliardo di un anno fa. Ora Facebook può sfidare Time Warner nella torta della pubblicità televisiva. Time Warner non deve preoccuparsi di Hulu o Netflix, bensì di Facebook, secondo Reuters.

La crescita esplosiva nelle video views rappresenta un’opportunità per Facebook, per puntare dritto alla grande torta pubblicitaria e catturare una quota dell’advertising TV. Il mercato della pubblicità sui video online è destinato a valere 17 miliardi di dollari (dal 2017, fonte: Jefferies).

Secondo Atlantic Equities, circa il 50% di tutto il consumo dei media è adesso online, ma solo il 17% del budget advertising non-search è speso online.

Facebook ha l’opportunità di trainare il passaggio dal 17% al 50%: 150 miliardi di dollari di spesa aggiuntiva in advertising, destinato a passare dalle piattaforme offline all’online.

Facebook ha già lanciato diversi tool per raggiungere i brand advertisers, inclusa una modalità per pianificare, comprare e misurare le video ads su Facebook, usando i target rating points (TRP), una metrica simile a una usata per vendere gli spot TV.

A settembre Facebook contava 2.5 milioni di inserzionisti attivi, con un incremento del 25% rispetto a febbraio.

Le aziende stanno riesaminando l’allocazione degli inve­sti­menti pub­bli­ci­tari: si osserva uno spo­sta­mento dei bud­get del 10% dalla TV al video adver­ti­sing digi­tale, stando al report basato su 300 brand, agen­zie e publi­sher presi in esame.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore