Facebook migliorerà la tutela della privacy in Europa

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSocial mediaSorveglianza
Facebook guarda al Mobile per crescere

Facebook è capitolata di fronte al Garante privacy irlandese. Il social network migliorerà le sue policy privacy per centinaia di milioni di utenti

Facebook ha siglato un accordo con il Garante Privacy irlandese per migliorare entro sei mesi il servizio in Europa. Il Garante privacy irlandese aveva chiesto a Facebook di avvertire gli utenti su come il social network e le apps di terze parti gestiscono le informazioni personali. Facebook è stata sottoposta a un’audizione ad ampio raggio sulle pratiche privacy, e alla fine il social network con oltre 800 milioni di utenti ha deciso di stipulare un accordo con il Garante Privacy irlandese. Facebook è stato sottoposto a un’indagine privacy in Irlanda per tre mesi, e verrà riesaminato entro luglio. L’audizione di Facebook in Irlanda era stata pianificata quando l’ufficio aveva ricevuto 22 “denunce” da parte di uno studento austriaco della facoltà di Legge, che illustrava come il servizio del  social-networking archivia i dati che gli utenti hanno rimosso dalle pagine.

Ecco i punti salienti dell’accordo su cui Facebook deve lavorare, per rispettare le normative privacy in Europa: gli utenti dovranno essere informati su come Facebook e le applicazioni di terze parti (come Zynga) gestiscono le informazioni  personali, cancellare certi dettagli più prontamente e offrire agli utenti europei un avvertimento chiaro ed esplicito sulla tecnologia di riconoscimento facciale per il tagging in automatico delle fotografie.

Facebook è capitolata di fronte all’Authority europea: migliorerà le sue policy privacy per centinaia di milioni di utenti (solo in Italia il social network conta 21 milioni di utenti). L’ufficio irlandese di Facebook ha la responsibilità di gestire le attivitò fuori da Usa e Canada. Il commissario irlandese aveva definito “inaccettabile” per Facebook mantenereindefinitivamente” informazioni su quali pubblicità erano state cliccate.

Facebook viene incontro alle richieste privacy europee e i cambiamenti si vedranno nei prossimi sei mesi. A luglio 2012 Facebook verrà sottoposto a una nuova indagine formale per verificare se le migliorie sono state apportate. Il garante dell’Irish Data Protection, Billy Hawkes, ha confermato che Facebook Irlanda si è impegnata ad implementare “best practice” entro i prossimi sei mesi.

Richard Allan, direttore delle policy pubbliche di Facebook per l’Europa, ha spiegato nel post sul blog, in risposta all’audizione in Irlanda: “Gli utenti di Facebook hanno a cuore la privacy e la protezione dati, e così anche noi“.

Nelle scorse settimane l’authority statunitense, Federal Trade Commission (Ftc), ha reso ufficiale l’accordo sulla privacy fra Facebook e la commissione negli Stati Uniti. Facebook punta a quotarsi in Borsa nel 2012: con un’Ipo da 100 miliardi di dollari a Wall Street.

Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook
Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore