Fallender (Intel): L’istruzione è un diritto fondamentale

AziendeMarketing
Suzanne Fallender, Direttore della Global Girls and Women Initiative
3 0 Non ci sono commenti

Suzanne Fallender, Direttore Global Girls Women Initiative di Intel Corporation, spinge perché il divario di genere sia sanato sin da bambini. Il film, Girl Rising, patrocinato da Intel, sta contribuendo a diffondere la consapevolezza che l’istruzione è un diritto anche per i 90 milioni di ragazze che non ci accedono

L’impegno di Intel per le pari opportunità parte da un dato allarmante che Suzanne Fallender, Direttore Global Girls Women Initiative di Intel Corporation, racconta in Occasione della Nuvola Rosa.  “Milioni di ragazze in tutto il mondo hanno accesso limitato all’istruzione e molte non lo hanno affatto: si parla di novanta milioni di donne nel mondo. L’istruzione è un diritto fondamentale per tutti in ogni paese e permette di interrompere il circolo della povertà generazionale. Quando le donne ricevono una istruzione diventano dei motori di crescita per la stessa economia”.

Suzanne Fallender, Direttore della Global Girls and Women Initiative
Suzanne Fallender, Direttore della Global Girls and Women Initiative di Intel

Secondo il Council on Foreign Relations, basta un anno in più di istruzione primaria per far sì che i salari delle donne aumentino dal 10 al 20%,  così come un anno aggiuntivo di studio nel percorso secondario fa crescere il salario di un ulteriore 15-20%.
“E’ importante motivare le ragazze e le donne a studiare, soprattutto le materie che garantiscono uno sbocco maggiore nel mondo del lavoro, come le discipline scientifiche, tecniche e ingegneristiche – precisa Fallender -. La tecnologia è un elemento importante per colmare il divario non solo di genere ma anche nel mondo del lavoro”.

L’impegno di Intel negli anni ha portato nel 2013 alla realizzazione del film “Girl Rising”, presentato a istituzioni, scuole, aziende, eventi che sprona donne e ragazze all’istruzione e alla fiducia in sé stesse: “Le ragazze se istruite riescono a  creare un volano positivo nei confronti della famiglia, della comunità e dell’economia – continua Fallender -. Il trailer di Girl Rising è stato visto su un YouTube da più di  un milione e mezzo di persone” ad indicare non solo l’attualità della tematica ma anche l’impatto suscitato dal film che è stato oggetto di eventi organizzati in più di 50 paesi del mondo, dove la proiezione ha permesso di stimolare il dibatto sui social network e di raccogliere fondi destinati poi alla formazione delle giovani ragazze, come in Kenia, Portogallo, Filippine, Bolivia, Panama… . Oltre alla campagna Girl Rising, di impatto in questo ultimo anno è stato il programma “She will connect”, che intende colmare, nei paesi in via di sviluppo, il divario per l’accesso ad Internet delle donne.

Le attività di cui Fallender è direttore si occupano di una serie di programmi, partnership e politiche per offrire potenzialità di sviluppo e di istruzione a ragazze in tutto il mondo, attraverso la formazione e la tecnologia. “La tecnologia trasforma la vita di donne, bambine, ma anche di tutti coloro che la utilizzano – sostiene .-  Bisogna nelle aziende provare ad assumere non solo donne ma anche giovani”.

Più di 100 milioni di dollari in donazioni aziendali per favorire l’istruzione sono spesi ogni anno da Intel e Intel Foundation. In Italia l’impegno alle attività di formazione, con attività presso università, centri di ricerca e aziende è confermato da Carlo Parmeggiani, Direttore Public Sector di Intel Sud Europa: “Sono i giovani e le loro potenzialità a imporci il dovere di investire nella loro crescita e nell’accesso libero alla nuova società della conoscenza”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore