Fallisce tentativo di fusione fra EMI e Bertelsmann

Management

Le due major hanno interrotto le trattative per problemi di antitrust

EMI e il gruppo Bertelsmann hanno definitivamente interrotto le lunghe trattative sullipotesi di una fusione delle due società dopo aver constatato limpossibilità di superare i problemi dovuti alla normativa antitrust. La fusione avrebbe dato vita a un colosso musicale in grado di fronteggiare la Universal Music, leader del settore, riunendo sotto ununica etichetta artisti del calibro dei Beatles e di Whitney Houston. Ma le autorità garanti della concorrenza, si sono opposte allipotesi di veder scendere da cinque a quattro le major dellindustria discografica. La soluzione prospettata era quella di una dismissione di alcune fra le etichette principali controllate dalle due aziende, per creare un quinto soggetto, ma questo si è rivelato essere un boccone troppo indigesto per le due aziende. A conclusione di analisi e discussioni esaustive, non siamo stati in grado di trovare un accordo con Bertelsmann che vada bene tanto agli azionisti quanto alle autorità che controllano la concorrenza, ha dichiarato Eric Vicoli, presidente della EMI. I due gruppi hanno ritenuto che non fosse negli interessi né degli azionisti, né degli artisti e nemmeno dei loro impiegati, di mantenere una situazione dincertezza, ha aggiunto. EMI aveva già tentato lo scorso anno, senza successo, una fusione con Warner Music.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore