Fastweb cabla Biella: tutta la città raggiunta entro gennaio 2004

NetworkReti e infrastrutture

La rete sarà in grado di coprire circa 20.000 famiglie, 2.400 aziende e
il Distretto Industriale del biellese.

FastWeb arriva a Biella, seconda città piemontese raggiunta dopo il capoluogo, ed entro gennaio 2004 prevede di estendere a tutta l’area urbana e al territorio immediatamente circostante l’utilizzo delle più innovative applicazioni voce-dati-video di cui usufruiscono già oltre 290.000 clienti a Milano, Roma, Genova, Torino, Napoli, Bologna, Reggio Emilia e, da dicembre, anche Venezia. Biella entra dunque nel circuito delle principali città italiane dotate delle infrastrutture tecnologiche più avanzate, con una rete a larga banda in grado di soddisfare le esigenze di comunicazione di ogni tipologia di clientela aziendale e residenziale. Un progetto avviato grazie alla collaborazione di Banca Sella, primo grande cliente del biellese, che ha scelto FastWeb come partner tecnologico per connettere tutte le 258 succursali del Gruppo presenti sul territorio nazionale. I piani di sviluppo di FastWeb a Biella, dove la società ha avviato le operazioni nel mese di luglio, prevedono l’estensione di un’infrastruttura di rete lunga circa 80 Km che interessa tutto il territorio urbano e parte di quello extraurbano. In particolare, è stata realizzata una dorsale cittadina in fibra ottica composta da alcuni anelli di rete interni alla città di Biella per il collegamento delle grandi utenze e delle centrali telefoniche, attraverso le quali verrà erogato il servizio anche alla clientela privata con tecnologia DSL. La rapidità nei tempi di esecuzione della rete, che sarà terminata entro gennaio 2004, è consentita dall’utilizzo e dalla valorizzazione di infrastrutture già esistenti, fra cui quelle rese disponibili dal Cordar. Gli 80 Km di rete consentiranno di raggiungere entro gennaio 2004 un mercato potenziale di circa 20.000 famiglie (corrispondenti alla totalità degli abitanti) e 2.400 aziende, cui si aggiungeranno anche le imprese del Distretto Industriale del biellese. Le prime aree attivate saranno quelle a nord della città, che saranno servite da metà dicembre con l’utilizzo della centrale Biella Centro, mentre a partire da gennaio 2004 verranno effettuate anche le attivazioni dell’area sud. Sono invece compresi nel Distretto Industriale del Biellese i comuni di Biella, Borgosesia, Camburzano, Candelo, Cavallirio, Cerrione, Cossato, Gaglianico, Gattinara, Gemme, Grignasco, Lessona, Mosso S. Maria, Occhieppo Inferiore, Occhieppo Superiore, Pistolera, Ponderano, Quaregna, Quarona, Romagnano Sesia, Sandigliano, Strona, Vallemosso, Valle S. Nicolao, Veglio, Verrone, Vigliano Biellese.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore