FastWeb cabla Venezia

NetworkReti e infrastrutture

Con la rete a larga banda sarà possibile eliminare gradualmente le
antenne dai tetti e offrire nuovi impulsi imprenditoriali alla città,
dice FastWeb.

FastWeb arriva nel capoluogo veneto in occasione della riapertura del Teatro La Fenice. Iniziando proprio da Venezia, FastWeb farà del capoluogo lagunare la prima città del Nord Est dotata di una rete di telecomunicazioni a larga banda. Il piano di sviluppo di Venezia, che inizierà nel 2004, prevede la realizzazione di una rete che andrà a coprire il territorio comunale di Venezia, Mestre e le isole della laguna nell’arco di circa due anni. La presenza di oltre 150 Km d’infrastruttura sotterranea, in parte derivante dal progetto Socrate avviato a metà degli anni ’90 per sviluppare in Italia la Tv via cavo, in parte sviluppata dall’Amministrazione Comunale nel corso di questi ultimi anni, consentiranno a FastWeb di accelerare sensibilmente anche nella città lagunare la diffusione dei servizi innovativi e di limitare, in maniera significativa, i disagi alla cittadinanza. La presenza della rete in fibra ottica e dei collegamenti ADSL di FastWeb offrirà numerosi vantaggi alla città di Venezia. Una città cablata si trasforma infatti in un polo tecnologico all’avanguardia capace di attrarre investimenti, generare nuova occupazione e apportare un significativo miglioramento alla qualità della vita dei cittadini, con ampie ricadute anche sul business di una città che, fino a non molto tempo fa, era caratterizzata dalla presenza di aziende dell’industria pesante come quelle dell’area di Marghera. Tra le numerose applicazioni di pubblica utilità consentite dalla larga banda, vi è indubbiamente una possibilità di notevole interesse per tutte le città d’arte in cui le Amministrazioni Comunali hanno avviato progetti e campagne di sensibilizzazione per eliminare, o quantomeno ridurre, il numero di antenne dai tetti delle abitazioni. L’impiego della tecnologia di FastWeb consentirà infatti di ridurre gradualmente il numero delle antenne oggi visibili sui tetti delle case veneziane. I clienti collegati sia in fibra ottica che con tecnologia ADSL potranno ricevere in digitale il segnale televisivo delle emittenti nazionali e di numerosi canali satellitari senza dover disporre di antenne, parabole e decoder.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore