Febbre da Internet anche nel mercato domini

MarketingNetworkProvider e servizi Internet

VeriSign fotografa il mercato dei domini Internet. Anche nell’era di Facebook, .com e .net piacciono

Non ci sono solo i social network a far alzare le antenne con le loro super quotazioni (che fanno temere una nuova bolla dot.com): Twitter vale 4,5 miliardi di dollari; Facebook fra i 50 e gli 80 miliardi di dollari. La febbre da Internet contagia anche il mercato domini. Per ora non nelle quotazioni, ma nei numeri del mercato. Secondo VeriSign i domini Internet sono cresciuti del 6.3% attestandosi a un totale di 205.3 domini Internet: solo nell’ultimo trimestre sono stati registrati 3.5 milioni di nomi a dominio, con un incremento dell’1,7% sul terzo trimestre del 2010.

La febbre da dot.com c’è anche fuori dai Walled garden (i giardini recintati) dei social media: i suffissi più popolari e richiesti sono il 25ennale .com o .net, e tra i suffissi nazionali vince .de (della Germania, locomotiva d’Europa). A ottobre 2010 erano due milioni i domini .it registrati in Italia.

Secondo VeriSign la media giornaliera di query load in Domain Name System nell’ultimo trimestre del 2010 si attestava a 61 miliardi, in crescita del 17 %.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore