Finalmente Firefox a 64bit per Windows… I ritardi di Mozilla e Microsoft

Sistemi OperativiWorkspace
Firefox abbandona Flash dal 2017
0 4 Non ci sono commenti

Arriva Mozilla Firefox 43 a 64bit per Windows 7 e versioni successive. Flash è ancora supportato, da fine 2016 non lo saranno più i plugin sviluppati su tecnologia Npapi

Firefox
Firefox a 64bit, da fine 2016 non saranno più supportati i plugin Npapi

Oramai il gap era incolmabile, da un lato con Microsoft Edge ‘riscritto’ dall’altro con Chrome pronto da un pezzo, mancava Firefox all’appello dei 64bit anche per Windows, mentre bisognerà aspettare ancora per gli altri OS Windows e Mac (per Linux invece già c’è).

I vantaggi di una versione a 64bit per Firefox non sono molto diversi da quelli di qualsiasi altro software a 64bit: sicurezza, capacità di sfruttare fino in fondo le capacità di calcolo dei nuovi processori le note più importanti, possibilità di indirizzare più di 4 Gbyte di memoria.

Per avere l’ultima versione non basta aggiornare quella che si à all’ultima release, bisogna ‘pretendere’ l’installazione di quella nuova da scegliere da questa pagina. Poi ancora tra le novità Mozilla segnala la cosiddetta Awesome Bar e una compatibilità migliorata della tastiera on display. Servirà solo a chi usa un OS da Windows 8 in poi.

Sarà invece l’occasione per considerare che la crescita di Chrome a scapito di entrambi i browser che abbiamo nominato, in sostanza, si giustifica con i ritardi degli uni e degli altri. Firefox, per il quale entro la fine del 2016 verranno a mancare anche tutti i plugin sviluppati con l’antica tecnologia Netscape, supporta ancora Flash – ce ne è ancora tantissimo sul Web – anche se il futuro prossimo è tutto di Html 5.

Browser Market Share W3 Counter- Novembre 2015
Browser Market Share W3 Counter – Novembre 2015, NetMarketShare invece assegna il primato ancora a IE nelle sue diverse versioni

Pensiamo di poter recitare il de profundis anche per Silverlight, mentre il futuro di Edge non è ancora così chiaro come gli evangelist di Microsoft spiegano.

Anche in questo caso si può parlare di ritardi, forse anche di un esordio frettoloso e di certo di una politica discutibile per cui il meglio del browser in casa Microsoft è disponibile solo su Windows 10. Chi lo fa fare?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore