Finanziaria 2005, ecco cosa riserva all’hi-tech

NetworkProvider e servizi Internet

Dall’e-book al digitale terrestre, una panoramica sulla Finanziaria di 24 miliardi di euro all’avvio dell’iter parlamentare

Approvata nel suo disegno di legge dal Consiglio dei Ministri, nella riunione del 29 settembre 2004, la Finanziaria 2005 porta con sé alcune novità tecnologiche. Innanzitutto si ispira al modello britannico inaugurato da Gordon Brown, e la spesa pubblica ha un limite del 2%. Ma vediamo cosa c’è di prettamente tecnologico tra le 8000 voci della Finanziaria 2005. Innanzitutto è previsto un monitoraggio telematico trimestrale in collaborazione con la Ragioneria generale dello Stato per verificare i trasferimenti a Comuni e Regioni. È confermata la possibilità di effettuare download, anche da Internet, dei libri di testo delle scuole del primo ciclo dell’istruzione e degli istituti di istruzione secondaria superiore: questa voce ha scatenato le proteste di Aie (Associazione Italiana Editori). Confermayo il Fondo speciale “Pc ai giovani“, è riservato ai ragazzi sedicenni per l’acquisto di strumenti informatici. Vengono prorogati al 2005 i benefici concessi agli insegnanti per l’acquisto di personal computer portatili; e inoltre è inserito uno sconto per l’acquisto di computer da parte di dipendenti pubblici. Ci sono il contributo per l’acquisto del decoder per la tv digitale terrestre e gli incentivi per la banda larga . Viene aumentato il Fondo di garanzia per l’innovazione tecnologica per le Pmi. Il turismo verrà incentivato anche via Web, con il progetto “Scegli Italia”. È prevista infine la trasmissione telematica delle dichiarazioni dei contribuenti Iva con volume d’affari superiore a 10 mila di euro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore