Finanziaria: Gasparri, 30 milioni di stanziamento per larga banda, 110 milioni per la diffusione dei decoder.

Workspace

Importanti passi in avanti l’Italia li ha indubbiamente fatti sul fronte
della larga banda, figurando ora ”al quarto posto in Europa con 2
milioni di accessi.

Come rende noto una comunicazione del Ministero per le Comunicazioni, Maurizio Gasparri intervenendo ad un convegno dedicato alla larga banda ha dichiarato che per la Finanziaria 2004 ”abbiamo proposto uno stanziamento di 30 milioni di euro per lo sviluppo della larga banda e 100 per la diffusione dei decoder. Si tratta di nuove iniziative che si vanno a sommare a quelle già intraprese dal Governo per l’informatizzazione del paese. Abbiamo fatto molto, ma ancora molto c’è da fare”. Importanti passi in avanti l’Italia li ha indubbiamente fatti sul fronte della larga banda, figurando ora ”al quarto posto in Europa con 2 milioni di accessi. Negli ultimi mesi c’è stata un’accelerazione notevole. I dati che misurano l’andamento del fenomeno sono incoraggianti” ha spiegato Gasparri, sottolineando però che alcuni problemi esistono. Primo fra tutti l’ultimo miglio, che stenta a decollare sia ”per le caratteristiche geografiche del territorio sia per la scarsa tendenza degli operatori ad investire in aree remote a minore sviluppo economico”. Nel settore delle telecomunicazioni e della larga banda ”c’è un movimento positivo – conclude Gasparri – in atto, movimento che però risente del ciclo economico. A questo si aggiunge che l’Italia ha rispettato i vincoli europei di bilancio e questo ha influito sugli investimenti”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore