Findomestic: Cresce la propensione all’acquisto di Pc e al turismo

AziendeFinanziamenti
Findomestic: Cresce la propensione all’acquisto di Pc e al turismo
1 1 Non ci sono commenti

Sono in ripresa PC ed accessori. Segno più per il settore di viaggi e vacanze. L’analisi di Findomestic

La telefonia mobile segna una flessione nell’intenzione d’acquisto, che cala dal 24,2% al 23,6%. In declino anche la propensione all’acquisto di fotocamere e videocamere, che passa dal 11,9% all’11,7%, e tablet, in calo dal 15,6% al 15,3%. Invece sono in ripresa PC ed accessori che registrano un incremento che va dal 22,4% al 22,9%.
La previsione in termini di spesa per l’acquisto dei beni del settore passa dai 300 ai 500 euro.

Findomestic: Cresce la propensione all’acquisto di Pc e al turismo
Findomestic: Cresce la propensione all’acquisto di Pc e al turismo

Segno più per il settore di viaggi e vacanze, dove le intenzioni d’acquisto salgono dal 48,1% al 49,1%. Il 57% del campione degli intervistati preferirebbe una località italiana come destinazione di vacanza. Il nostro Paese cattura in egual misura uomini e donne, ma soprattutto gli over 35; ma la percentuale sale a 7 italiani su 10 tra i 55-64enni. Il 31% desidera conoscere meglio il proprio Paese: seguono la facilità con cui si raggiungono le destinazioni (25%) e la ricchezza del patrimonio storico/artistico (19%).
Il 43% del campione, invece, sceglierebbe una località estera (soprattutto la fascia d’età compresa tra i 18 ed i 34 anni): in questo caso, conoscere posti nuovi è il fattore di stimolo prevalente (62%). Tre italiani su 10 scelgono la vacanza all’estero per la convenienza.

Si scelgono mete di vacanza italiane per la gastronomia (47%) e la ricchezza del patrimonio storico/artistico (44%), visto che l’Italia è il Paese che vanta più siti Unesco al mondo (51 su 1.000).

Secondo 3 italiani su 10, ad allontanare i turisti dal nostro Paese sono l’incuria dei siti archeologici, dei luoghi e delle opere d’arte. Per un altro 30% del campione, invece, contribuiscono i costi troppo elevati rispetto alla qualità del servizio erogato. Due italiani su 10 indicano strutture ricettive antiquate, obsolete e non al passo con i tempi in tema di servizi offerti.
Secondo il 35% del campione (che tra le donne raggiunge il 40%) intervistato da Findomestic, all’interno di uno scenario internazionale competitivo diventa sempre più necessario supportare e promuovere l’industria turistica nazionale, l’Italia dovrebbe in primo luogo riqualificare e valorizzare i siti archeologici, i luoghi e le opere d’arte ed incrementare la qualità del servizio offerto (30%).
Per rilanciare il turismo in Italia, bisogna facilitare i collegamenti tra le diverse località (23%) ed intraprendere una politica nazionale che favorisca il turismo in tutto il paese e non solo nelle località già note (23%).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore