Finlandia e Usa. Giro di vite contro BitTorrent

Management

Un’altra retata contro alcuni gestori di una rete di peer-to-peer collegata a
BitTorrent

HELSINKI (FINLANDIA). Ventuno persone sono state accusate di violazione del diritto d’autore in Finlandia. La rete da loro gestita, collegata a BitTorrent e denominata Finreactor, annoverava oltre 10.000 utenti registrati. Mentre quattordici operatori sono stati accusati di violazione del copyright, gli altri sette devono rispondere, invece, di correità con queste accuse, per avere realizzato e messo in attività la rete. La Corte ha stabilito che dovranno pagare 565.000 Euro ai legittimi titolare dei diritti d’autore. Sono state rigettate le istanze degli indagati, che si erano difesi facendo notare di non essere direttamente responsabili per la violazione del copyright perpetrata dai propri utenti. Finreactor ha fatto transitare nelle sue reti qualcosa come 30.000 TeraBytes di dati, l’equivalente di 450.000 cd-rom con video, musica, software e giochi. Negli Usa, invece, un ragazzo ventitreenne, Grant Stanley, è stato condannato a cinque mesi di carcere, cinque agli arresti domiciliari e tre anni di libertà vigilata con accesso condizionato a Internet, oltre a tremila dollari di multa. Sentenza senza precedenti per l’autore/gestore di un sito, che era dedicato esclusivamente agli utenti BitTorrent. Secondo la Motion Picture Association of America e il Ministero della Giustizia locale, sarebbero stati oltre 133.000 gli utenti registrati al sito di Stanley.

StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore