AcquisizioniAziende

FireEye compra iSight Partners

FireEye compra iSight Partners
0 4 Nessun commento

Acquisendo iSight Partner per 200 milioni di dollari, FireEye intende espandersi nella cyber sicurezza di fascia enterprise

FireEye acquista iSight Partners, per rafforzarsi nella cyber sicurezza di fascia enterprise. Si tratta di un accordo da 200 milioni di dollari, con cui il vendor di sicurezza intende espandere l’offerta aziendale di intelligence contro le cyber minacce.

FireEye compra iSight Partners
FireEye compra iSight Partners

Con l’acquisizione, l’unità Mandiant di FireEye si potenzia: essa è specializzata nell’indagare su cyber attacchi importanti, mentre iSight Partners si è occupata dell’analisi di attacchi malware contro le power grid in Ucraina.

In base ai termini dell’intesa, FireEye pagherà 200 milioni in contanti agli ex azionisti di iSight per ottenere il pieno controllo. Inoltre, gli ex azionisti di iSight avranno l’opportunità di guadagnare altri 75 milioni di dollari fra contanti ed equity, dopo che è stato certificato il “threat intelligence bookings target” da metà 2018.

David DeWalt, chairman e chief executive di FireEye, ha definito il merger “un’offerta con cui nessun altro nell’industria potrà competere”: “Il più grande errore che ommettono le persoe è ritenere la threat intelligence una raccolta di definizioni di virus in un database condiviso. Ma (…) dal governo al settore privato, è noto che la threat intelligence è la chiave per acquisire una robusta postura nella sicurezza“.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici