Firefox, Microsoft e Google Chrome contro il tracciamento della navigazione Web

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza

Le proposte per aumentare la privacy nei browser, come chiedono Ftc e Authority UE. Le idee di Mozilla per Firefox, Microsoft per Internet Explorer e Google per Chrome

Sembra strano: ma non solo Mozilla propone il Do not track per Firefox, ma anche Google, la cui benzina per il motore di ricerca è l’advertising online, svela Keep My Opt-Outs, un’estensione per Chrome. Ma andiamo con ordine: tutto è iniziato con una richiesta della Ftc statunitense e he delle Authority UE di rendere la pubblicità online più trasparente, rispettosa e meno invasiva.

Google risponde a Ftc sfoderando Keep My Opt-Outs che permette agli utenti di scegliere la funzionalità di opt out in modo permanente contro il tracciamento dei cookies dell’advertising. L’opzione è disponibile in forma di estensione in download per il browser Chrome.

Invece Mozilla prova a mettere a punto la “Do not track list“, una sorta di meccanismo di “opt-out” per evitare il tracciamento della navigazione. La Do not track list si basa sulle comunicazioni del protocollo HTTP, ma richiede la collaborazione dei pubblicitari (e questo rimane uno scoglio difficile da superare).

Infine Microsoft ha proposto di implementare un meccanismo di opt-in in IE9 beta di Tracking Protection, per identificare e bloccare molte formdi tracciamento indesiderato.

La Privacy è la Cenerentola di Internet?
La Privacy è la Cenerentola di Internet?
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore