Firma digitale Italia prima in Europa per diffusione

NetworkProvider e servizi Internet

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il regolamento di attuazione della direttiva comunitaria. I documenti elettronici avranno a tutti gli effetti valore legale

Roma – Un comunicato a cura dellUfficio Stampa del Ministro per lInnovazione e le Tecnologie rende noto che il Governo ha impresso un forte colpo di acceleratore alla diffusione in Italia della firma digitale, parte integrante del processo di ammodernamento tecnologico del Paese. Su proposta del Presidente del Consiglio e del Ministro per lInnovazione e le Tecnologie e di concerto con altri sei ministri, il Consiglio dei Ministri ha approvato il DPR che definisce il Regolamento di attuazione della Direttiva Comunitaria n. 93/1999, completando cosi il quadro normativo per lutilizzo di questo innovativo strumento digitale, una sorta di bancomat con microchip, che viene inserito in un apposito lettore, collegato al computer, consentendo di firmare in modo digitale sicuro ed inalterabile qualsiasi documento elettronico. Viene definitivamente attribuito valore giuridico ai documenti informatici su cui viene apposta la firma digitale, -si legge nel comunicato- garantendo non solo lautenticita della firma e del soggetto da cui proviene, ma anche lintegrita del documento stesso, determinando cosi unampia serie di vantaggi pratici, diretti ed indiretti, per il Paese, a partire dalle imprese fino allo sviluppo delle-commerce. Il ministro per lInnovazione e Tecnologie, Lucio Stanca, ha spiegato che lapposizione della firma digitale sulla corrispondenza, sui contratti, ordini e, in generale, sui documenti inviati per via telematica determinera una drastica riduzione della documentazione cartacea, ma anche una istantaneita dei processi di scambio di corrispondenza ed un abbattimento dei costi di inoltro. Come pure eliminera i danni derivanti dalla mancata o ritardata ricezione; ridurra le code agli sportelli. Insomma, non sara piu necessario spostarsi da casa o dallufficio per essere fisicamente presenti laddove e necessario apporre la propria firma. Il ministro ha poi ricordato che lItalia e il primo Paese in Europa per diffusione della firma digitale. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore