Fitbit punta ai pagamenti con i wearable e acquisisce asset di Coin

AcquisizioniAziendeDispositivi mobiliMobility
0 3 Non ci sono commenti

Fitbit acquisisce alcuni asset di Coin, l’azienda di elettronica di consumo con a portafoglio alcune soluzioni interessanti per i pagamenti attraverso dispositivi wearable. I primi frutti dell’acquisizione si vedranno nel 2017

Fitbit, l’azienda californiana conosciuta per i suoi dispositivi indossabili – i bracciali e i fitnesswatch con i chip per monitorare attività fisica – pochi giorni fa ha acquisito gli asset dell’americana Coin specializzata nelle soluzioni tecnologiche di elettronica di consumo al servizio della finanza. L’interesse di Fitbit è proprio legato ad alcune proprietà intellettuali di Coin, tecnologie che permettono di effettuare pagamenti in mobilità attraverso i dispositivi indossabili.

La tecnologia Coin non verrà implementata nei nuovi prodotti Fitbit prima dell’anno venturo, ma Fitbit si porta avanti nello sviluppo di una soluzione di pagamento attraverso NFC, quindi di tipo contactless, che potrebbe essere abilitata sui prossimi device.

Coin 2.0
Coin 2.0 – L’interesse di Fitbit per l’azienda Coin non sembra riguardare l’acquisizione del prodotto di punta Coin 2.0, ma le competenze di Coin nei sistemi di pagamento e la piattaforma.

La strategia Fitbit, come aveva spiegato Giovanni Bergamaschi in occasione di una recente intervista, non è meramente quella di soddisfare solo gli appassionati di sport, ma di proporre una gamma completa di prodotti per tutti i target: da chi semplicemente ama monitorare la propria attività fisica quotidiana, nell’ambito di un programma wellness poco impegnativo, a chi effettivamente, per esempio con Surge, desidera un sistema specifico per i propri allenamenti, come anche con Blaze, a chi ama tenere d’occhio la propria attività ma vuole anche un orologio elegante da indossare. Altri competitor si sono già mossi nell’ambito dei pagamenti attraverso dispositivi wearable, l’accordo di Fitbit con Coin sembra non comprenda Coin 2.0, il device che somiglia del tutto a una carta di credito in grado di integrare diverse carte.

Fanno eco le dichiarazioni di James Park, CEO e co-fondatore di Fitbit: “ll nostro obiettivo è di realizzare dispositivi indossabili che stimolino le persone a raggiungere i propri obiettivi e rendano le loro vite più semplici grazie alle funzioni smart di cui hanno bisogno; Coin è stata tra i principali innovatori nel campo delle soluzioni di pagamento avanzato. Questa nuova tecnologia di pagamento, all’interno della nostra offerta, promuoverà la nostra strategia votata a rendere i prodotti Fitbit parte indispensabile della vita delle persone”.

Riproponiamo nel video seguente la recente intervista a Bergamaschi in occasione del lancio italiano di Blaze


 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore